Cronaca

Il padre non risponde al telefono perché dorme. Chiama i vigili del fuoco ed ora rischia una denuncia

I baschi rossi arrivati nella casa dell'uomo a Frosinone lo hanno trovato nel proprio letto che dormiva e si è anche infastidito della loro presenza

L'altra sera un 50enne di Fiuggi aveva chiamato al telefono l'anziano genitore che vive da solo in una casa alla periferia del capoluogo ciociaro. Avendo 82 anni  suonati, sovente lo contattava telefonicamente  per sapere se tutto stava a posto e se stava bene.

La mancata risposta al telefono

L'altra sera però il padre non ha risposto alla chiamata e l'uomo ha cominciato a preoccuparsi. Ma invece di recarsi a Frosinone per sincerarsi che il genitore stesse bene, il cinquantenne aveva preferito "aggirare l'ostacolo" chiamando direttamente i vigili del fuoco del comando provinciale. Ai pompieri aveva raccontato della sua preoccupazione, di quel padre molto anziano che poteva essere stato colto da malore.

L'arrivo dei Vigili del fuoco ed il ritrovamento 

Così una squadra dei vigili ben attrezzata in tarda serata si è recata sul posto. Utilizzando una scala antincendio i baschi rossi si sono arrampicati fino all'appartamento dove viveva l'uomo. Ma una volta dentro hanno trovato l'anziano che dormiva placidamente nel suo letto. L'uomo alla vista dei pompieri che erano penetrati nella sua abitazione senza chiedere il permesso, si è molto infastidito.  

La denuncia per procurato allarme

A nulla sono servite le spiegazioni dei vigili del fuoco che cercavano di far capire all'82enne che loro erano stati chiamati dal figlio preoccupato perchè non rispondeva al telefono. Aver interrotto quel sono lo aveva oltremodo esacerbato. Tanto che i pompieri sono stati cacciati di casa a malo modo Tutto è bene quel che finisce bene recita un antico proverbio. Ma non sarà così per il 50enne che adesso rischia la denuncia per procurato allarme.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il padre non risponde al telefono perché dorme. Chiama i vigili del fuoco ed ora rischia una denuncia

FrosinoneToday è in caricamento