Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

La palpeggia e le infila le mani nelle parti intime. 20enne di Veroli denuncia il datore di lavoro per violenza sessuale

Questa brutta storia ha come protagonista una giovane ciociara che lavorava in un call center a Frosinone che ora ha portato in tribunale l'ex principale

Per lungo tempo, così come avviene per molte donne, aveva sopportato le molestie sessuali del suo datore di lavoro. Lei, una ragazza di 21 anni residente a Veroli, svolgeva attività di impiegata in un call center per la telefonia mobile nel capoluogo ciociaro. Quel lavoro le permetteva di essere autonoma economicamente, dunque non voleva perderlo.

La violenza

Ma quando un giorno il datore di lavoro prendendola di spalle l'aveva prima bloccata e poi palpeggiata, non aveva  avuto scelta. Quell'uomo, addirittura, le aveva infilato la mano nelle sue parti intime e costretta a toccare i suoi organi  genitali

La denuncia

La ragazza dopo essersi riuscita a liberare da  quella stretta  aveva abbandonato la sua postazione e si era licenziata. Ma il "capo" non poteva passarla liscia. Così, affidandosi ad un legale si era recata in procura ed aveva presentato denuncia. Le indagini che erano seguite hanno portato l'uomo sul banco degli imputati per violenza sessuale. Anche la molestia infatti viene inquadrata in questo terribile reato. L'Udienza si terrà il prossimo maggio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La palpeggia e le infila le mani nelle parti intime. 20enne di Veroli denuncia il datore di lavoro per violenza sessuale

FrosinoneToday è in caricamento