Crack di Villa Aurora, sei anni di carcere a Giorgio Rea e tre alla compagna Patrizia Ferri

L'uomo che è stato processato con rito abbreviato, dovrà scontare sei anni di carcere mentre la convivente è stata condannata a tre anni. La sentenza è stata pronunciata dal giudice di Reggio Calabria nella giornata nelle ore scorse

Crack di Villa Aurora, condannato Giorgio Rea e la compagna Patrizia Ferri. L'uomo che è stato processato con rito abbreviato, dovrà scontare sei anni di carcere mentre la convivente è stata condannata a tre anni. La sentenza è stata pronunciata dal giudice di Reggio Calabria nella giornata nelle ore scorse.

Sei e tre anni di condanna

Per  la cronaca va detto che il pubblico ministero nei confronti del sorano aveva chiesto nove anni di reclusione. Al momento Giorgio Rea si trova agli arresti domiciliari nella sua città di residenza. L'uomo doveva rispondere di associazione e bancarotta fraudolenta. Nei prossimi mesi, sempre a Reggio Calabria verranno giudicate sempre con rito abbreviato altre persone coinvolte nella vicenda. Nell'inchiesta che era stata avviata dalla Guardia di Finanza è finito anche l'ex presidente di Federlazio Alessandro Casinelli. L'imprenditore è difeso dall'avvocato Nicola Ottaviani. 

Lo svuotamento delle casse di Villa Aurora

Secondo le accuse gli imputati (nella vicenda sono coinvolti altri soggetti) avrebbero svuotato le casse di Villa Aurora con la tecnica  dell'infragruppo. Nello specifico stava  a significare che era stato posto in essere un passaggio di denaro tra gruppi societari collegati e riconducibili ad alcuni degli indagati. Dalle indagini portate avanti dalle fiamme gialle i soldi distratti ammonterebbero ad un milione e duecentomila euro. L'avvocato Nardozi che difende Giorgio Rea e Patrizia Ferri ha già preannunciato che presenterà appello. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 23 maggio i giudici del tribunale di Reggio Calabria si pronunceranno sugli altri imputati che hanno chiesto l'abbreviato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento