Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Gallicano, Conto alla rovescia per l'atteso consiglio comunale straordinario sul tema Biogas a Passerano

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Finalmente domani Giovedì 17 aprile 2014 alle ore 15, presso la sala mensa della scuola in Piazzale "Caduti di tutte le guerre", lungo via Aldo Moro a Gallicano nel Lazio, si terrà questa seduta dove i cittadini potranno...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Finalmente domani Giovedì 17 aprile 2014 alle ore 15, presso la sala mensa della scuola in Piazzale "Caduti di tutte le guerre", lungo via Aldo Moro a Gallicano nel Lazio, si terrà questa seduta dove i cittadini potranno partecipare ascoltando i temi trattati, ma anche intervenendo, facendo sentire la propria opinione. Il tema del Consiglio sarà la discussione sulla necessità di costruire e mettere in funzione una centrale a biogas in località Passerano/Valle Martella. Nel territorio del Comune di Gallicano e a ridosso di quello di Zagarolo.



Si prevede di realizzare un impianto industriale di portata non indifferente che produrrà energia elettrica dalla combustione di metano prodotto dal processo anaerobico dei rifiuti organici, ovvero da quella frazione di raccolta differenziata chiamata FORSU, il nostro umido per capirci.

I comitati a difesa dell'agro romano antico hanno sempre osteggiato questo progetto. Ci sono stati incontri pubblici che spiegavano con dovizia di particolari la pericolosità oltre che l'inutilità di questi impianti. Sono state indette manifestazioni e fiaccolate che hanno raccolto centinaia di persone che, sensibili al tema hanno espresso il loro parere negativo.

Il Comitato per Gallicano, che da sempre si batte contro questo progetto, ha promosso e realizzato interrogazioni Comunali oltre che alla Regione Lazio per arrivare fino a rivolgersi al Prefetto, allo scopo di denunciare la scarsa disponibilità del Comune a rispettare i propri oneri democratici verso l'opposizione, oltre che sollecitare l'esigenza di avere risposte chiare da parte del Comune in merito sia a questo progetto che ad altri previsti nella zona.


E' stata inoltre presentata dal Movimento 5 Stelle tramite i consiglieri Blasi, Pernarella, Porrello e Denicolò, una mozione al Consiglio della Regione Lazio per sospendere tutte la autorizzazioni in itinere degli impianti che prevedano l'utilizzo del FORSU (Frazione Organica Rifiuto Solido Urbano), di rendere obbligatoria la Valutazione Impatto Ambientale (VIA) per impianti di potenza complessiva superiore ai 0.25 MW, assoggettare la realizzazione dei nuovi impianti al Piano Energetico Regionale ed escludere per precauzione dalle aree, in cui sarà possibile realizzare un biodigestore anaerobico, le zone agricole in cui sono già riconosciute certificazioni ufficiali (Doc, Igt, Dop).

Il silenzio delle istituzioni e delle amministrazioni coinvolte si è fatto ormai assordante. Anche il Comune di Zagarolo, assolutamente coinvolto nell'operazione Centrale a Biogas, visto che i residenti di Valle Martella, la zona a distanza minima dal futuro impianto, rispondono proprio a questa amministrazione, non è stato ancora in grado di prendere una chiara posizione sul tema. In questo clima di silenzio intanto, i consiglieri d'opposizione NCD e Forza Italia, Marco Bonini e Michelino Conti rispettivamente, hanno chiesto un atto deliberativo dal quale si evinca l'impegno dell'amministrazione di Zagarolo a manifestare la propria contrarietà alla realizzazione della centrale a biogas di Gallicano nel Lazio, invocano il "principio di precauzione" e "l'acquisizione di ulteriori e neutrali pareri scientifici e sanitari", in considerazione dei possibili danni che tale struttura potrebbe causare al patrimonio ambientale, archeologico, agricolo e idrogeologico nonché alla qualità della vita e soprattutto dei cittadini.

Giovedì 17 aprile tutto pronto quindi, per questa assemblea pubblica nella sala mensa, sita in "Piazzale Caduti di tutte le guerre" a Gallicano nel Lazio. L'orario scelto è già diventato impopolare, alle 15:00 molti cittadini avranno difficoltà a partecipare, per molti però, sarà un consiglio che auspicano parli a chiare lettere. I dubbi su questa centrale sono oggettivi e documentati nelle stesse azioni messe in cantiere in Regione Lazio e anche indirizzate ai preposti ministeriali.

Noi del Comitato per Gallicano rendiamo manifesto il nostro punto di vista: "A questo punto, dopo i vari consigli mancati, le proteste sui giornali, le fiaccolate, gli incontri pubblici, abbiamo con determinazione dimostrato la nostra posizione.
Tutti gli altri Comitati ci hanno sostenuto e ci hanno supportato nell'esposizione delle nostre idee, e quindi in merito al Consiglio comunale la nostra partecipazione sarà dedicata all'ascolto di quelle risposte che fino ad oggi non sono arrivate e che abbiamo chiesto sempre a gran voce. Attenderemo con ansia queste risposte e valuteremo eventuali proposte, nel caso ce ne fossero. Ovviamente valuteremo solo proposte che vanno nella direzione del sviluppo e non verso un graduale regresso dei nostri territori. Le altre saranno ovviamente scartate".





Claudio Auriemma

Ufficio stampa Comitato per Gallicano



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gallicano, Conto alla rovescia per l'atteso consiglio comunale straordinario sul tema Biogas a Passerano

FrosinoneToday è in caricamento