Gallinaro, in manette pusher con il pollice verde

Sequestrati 1kg e mezzo di marijuana essiccata e 60 piante coltivate nel suo terreno. Il trentenne è agli arresti domiciliari

La marjuana sequestrata

Lotta alla detenzione ed allo spaccio, i carabinieri che già da tempo hanno messo in atto dei servizi mirati per arginare questo deprecabile fenomeno questa mattina hanno fatto scattare un altro arresto per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio. In manette è finito un 30enne residente a Gallinaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La coltivazione

Questa mattina i carabinieri della stazione di Picinisco, unitamente ai colleghi di Sant'Apollinare hanno fatto irruzione in un appezzamento di terreno di proprietà dell'arrestato ed hanno rinvenuto circa un chilo e mezzo di marijuana essiccata, 35 piante in vaso e 25 piante nel terreno. A questo da aggiungere il ritrovamento di 1900 euro composto da banconote di piccolo taglio. Per l'uomo si sono spalancate le porte del carcere. Il  trentenne dopo le formalità di rito ha beneficiato degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Maxi blitz all’alba, trovati chili di droga. Nei guai una decina di spacciatori

  • Il 2 giugno i funerali di Guglielmo Mollicone. Oggi l'anniversario della morte di Serena

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento