Gavignano, raccolti più di 5000 euro per i borghi colpiti dal sisma (video e foto)

Grande successo, per la festa della solidarietà svoltasi sabato 1 ottobre a Gavignano.  Grande partecipazione di pubblico, autorità e  soprattutto grande risposta da parte di tutti: uno schieramento di volontari davvero imponente.    ...

 

Grande successo, per la festa della solidarietà svoltasi sabato 1 ottobre a Gavignano. Grande partecipazione di pubblico, autorità e soprattutto grande risposta da parte di tutti: uno schieramento di volontari davvero imponente.

La giornata è iniziata con lo sport, immenso strumento di aggregazione e socialità; il pomeriggio ha avuto il suo momento clou nella partita amichevole tra Asd Amatrice e Real Gavignano. Un’amichevole emozionante che ha visto la presenza di molti ragazzi, e non solo, ma anche i più piccoli dell’asilo nido "Il Coccogrillo" di Colleferro.

"La nostra scuola ha promosso,- ci spiega la direttrice Manuela Pieruz - con l'aiuto dei genitori la vendita durante la partita, di dolci fatti in casa, il cui ricavato sarà interamente devoluto per la ricostruzione della scuola di Amatrice. Perché è dai bambini che deve partire la ricostruzione" .

Una giornata di cuore e di impegno che ha emozionato tutti. “Per il nostro piccolo paese è stato un grande gesto di solidarietà! - ci spiega Mauro Campanello, delegato allo sport, turismo e spettacolo - Posso affermare con immensa gioia che Gavignano ha un grande cuore! Oltre ad organizzare in modo impeccabile l'evento per la raccolta fondi con la cena di beneficenza è riuscito attraverso lo Sport a far sorridere e gioire anche un gruppo di ragazzi "Amatrice Calcio" che ha incontrato in amichevole il Real Gavignano! Bellissima iniziativa Un grazie a tutti coloro che hanno contribuito e partecipato”.

Tra i presenti anche il consigliere di Colleferro Marco Palombi: “Voglio complimentarmi con l'amministrazione di Gavignano promotrice della partita di calcio tra la squadra del Gavignano e quella di amatrice per la raccolta fondi da destinare alle popolazioni terremotate. Un gesto di solidarietà che dimostra ancora una volta che di fronte alle difficoltà siamo un popolo unito e compatto capace di risollevarsi unendo le proprie forze”.

“È stata una giornata emozionante – aggiunge emozionato il Sindaco Emiliano Datti - iniziata al mattino quando tutte le associazioni allestivano le due piazze più belle del paese, poi nel pomeriggio, con grande orgoglio, abbiamo accolto con calore la squadra di calcio dell'Amatrice militante in terza categoria come il nostro Real Gavignano, una ventina di giocatori molto giovani più l'allenatore ed il presidente. Il nostro piccolo campo sportivo "Gabinius" si riempiva via via di gavignanesi e non. L'ingresso delle squadre è stato accolto con un enorme applauso seguito dal doveroso minuto di silenzio. L'incontro è stato onorato dalle due squadre che non si sono risparmiate e si sono equivalse per tutta la partita. Vince di misura il Real Gavignano ma poco importa, è la fratellanza tra i giocatori che ormai aveva iniziato a primeggiare. Alla fine della partita ho indossato la fascia tricolore e con il vicesindaco Tiberi, il cons. allo sport Campanello e l'assessore Ferrari, tra l'altro un giocatore del Gavignano, abbiamo donato una targa ricordo al presidente. I giocatori erano tutti abbracciati e i brividi salivano quando il presidente dell'Amatrice con commozione riferiva che era la prima volta dopo il sisma che i suoi ragazzi uscivano giocando di nuovo al calcio e avevano un sorriso d'altri tempi. Era l'ora dell'aperitivo. In paese c'era aria di solidarietà e, con il tempo clemente, il borgo di Gavignano iniziava ad accogliere un fiume di gente per la cena di beneficenza dal titolo "Un borgo per amico". L' amatriciana era ottima, anche a detta degli stessi giocatori dell'Amatrice.

Un'immensa soddisfazione per Gavignano. - conclude il sindaco - Quando poi l'Amatrice calcio ci salutava, nell'animo di tutti era ormai chiaro che tra i ragazzi di Gavignano e quelli di Amatrice, tra una risata e un buon bicchiere di vino era nata un'amicizia. Nel frattempo riunitoci con l'organizzazione, abbiamo constatato che il cuore di Gavignano batteva forte: erano stati raccolti oltre 5250 euro. Ringrazio il presidente del Real Gavignano Fabrizio Cerbara, il presidente del rione Jo Campo Luigi Salvi, il presidente del rione Jo Muriato Maurizio Cerbara, il presidente del rione Jo Centro Enrico Pompeo, il presidente del Centro giovanile Gian Luigi Gatto, il Com. del Centro anziani Annamaria Salvi, il presidente del Gavignano 5 Davide De Benedetti, l'associazione pro loco, la parrocchia S.Maria Assunta e tutti gli imprenditori di Gavignano, la banda della città, la protezione civile e le autorità militari presenti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento