Genazzano, l'infiorata delle polemiche. Il Vescovo contro un disegno per l'amore libero

Polemiche a  gogò per alcune figure comparse in un quadro dell’infiorata di Genazzano dello scorso fine settimana con una frase in inglese che inneggiava all’amore libero: Love is never wrong. Ovvero l’amore non è mai sbagliato.

Infiorata amore non è un problema

Polemiche a gogò per alcune figure comparse in un quadro dell’infiorata di Genazzano dello scorso fine settimana con una frase in inglese che inneggiava all’amore libero: Love is never wrong. Ovvero l’amore non è mai sbagliato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa frase scatenato la polemica con la Diocesi di Palestrina che ha emesso un comunicato ufficiale per dissentire da quelle immagini. E’ stata una provocazione consapevole oppure un modo di fare non attento? E’ questa la domanda alla quale si deve anche rispondere. Noi scriviamo senza conoscere l’autore di tale gesto, scriviamo perché eravamo presenti nel momento in cui la cittadina è balzata agli onori della cronaca nazionale perché aveva realizzato l’infiorata più lunga del mondo. Dopo questa piccola digressione torniamo al tema dell’amore. E’ vero che oggi l’amore è cambiato, però finché si vogliono i figli questi debbono nascere da un uomo e una donna con un vero e proprio atto d’amore che è la cosa più bella da celebrare. Se poi a qualche persona piacciono le nuove “forme di amore” è certamente libero di evidenziarlo, ma non certamente durante l’infiorata: “Il Vescovo e la diocesi di Palestrina si rammaricano e non possono non dissentire su un disegno dell’infiorata predisposta per la processione del Santissimo Sacramento domenica 3 luglio a Genazzano, che ha messo sullo stesso piano le unioni civili gay e lesbiche con la famiglia composta da papà e mamma, in un percorso che congiunge la chiesa di san Paolo con il Santuario Mariano, noto in tutto il mondo, della Madre del Buon Consiglio. Non giudicano, ma si dissociano dai presbiteri che hanno fatto ugualmente, dopo essere stati avvertiti, la processione su questo disegno offensivo della vita cristiana e non certo decoroso per il Santissimo Sacramento. Chiediamo quindi che prima di definire il percorso di qualsiasi processione sulle infiorate siano visionati e approvati i disegni su cui passa il Santissimo, come è previsto dal direttorio sulla pietà popolare della Congregazione del Culto Divino e della Pietà Popolare. Libertà ai cittadini di esprimere le proprie idee, ma non di carpire consenso strumentalizzando una processione liturgica o cristiana”. Se si analizzano bene le cose scritte da Sua Eccellenza, prima di lanciarsi in commenti più o meno salaci, si capisce che egli porta rispetto ai gay ed alle lesbiche ma non il modo con il quale questo “amore” è stato evidenziato durante il passaggio del Santissimo Sacramento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento