Guidonia, arresto per estorsione maltrattamenti in famiglia e detenzione illegale di una pistola

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Tivoli Terme hanno arrestato, in flagranza di reato, un cittadino di Guidonia, dopo reiterati maltrattamenti alla propria compagna e  sotto la minaccia di una pistola illegalmente detenuta, costringeva...

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Tivoli Terme hanno arrestato, in flagranza di reato, un cittadino di Guidonia, dopo reiterati maltrattamenti alla propria compagna e sotto la minaccia di una pistola illegalmente detenuta, costringeva la stessa a prelevare la somma di euro 500,00 da uno sportello bancomat, facendosela consegnare contro la sua volontà. I militari della Stazione raccoglievano la denuncia della donna, la quale seppure da tempo sottoposta ad abusi, solo temendo per la propria incolumità fisica e per quella del figlio minore, decideva di chiedere aiuto agli uomini dell’Arma, riferendo dei continui maltrattamenti da parte del compagno. Immediatamente, i militari, coordinati dalla Procura della Repubblica di Tivoli, avviavano precipue attività d’indagine che permettevano il successivo arresto del dell’uomo. I Carabinieri, di concerto con la Magistratura inquirente decidevano di intervenire nell’immediatezza perquisendo l’abitazione dell’uomo alla ricerca di armi. La conseguente e tempestiva attività di polizia giudiziaria consentiva di rinvenire sia le tracce della pregressa violenza subita dalla vittima che una pistola illegalmente detenuta che era occorsa all’uomo per minacciare la donna ed il di lei bambino. L’uomo tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Rebibbia resta in attesa del rito di convalida è a disposizione del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Tivoli che ha coordinato e diretto l’attività d’indagine. L’arma sottoposta a sequestro sarà inviata presso il Reparto Carabinieri del Racis per gli opportuni accertamenti tecnici.

GUIDONIA – BLITZ ANTIDROGA DEI CARABINIERI IN UN APPARTAMENTO DI CILLALBA: 5 ARRESTI.

I Carabinieri della Tenenza di Guidonia hanno arrestato, in flagranza di reato, 5 persone, tutte residenti in Guidonia Montecelio, Frazione Villalba, responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’attività, volta alla repressione del fenomeno dello “spaccio” di droga tra i giovanissimi nell’area di Guidonia, si inserisce in una più ampia attività investigativa e di controllo del territorio coordinata dalla Procura della Repubblica di Tivoli a mezzo del Comando Compagnia Carabinieri su tutta l’area tiburtina.

Nello specifico, i Militari dell’Arma di Guidonia, a seguito di pregevole attività informativa, concentravano le loro investigazioni su di un appartamento situato in via Umbria, che diveniva, nelle ore notturne, una vera e propria centrale dello spaccio di stupefacenti. Di conseguenza, la frenetica attività dei giovani “pusher” che si radunavano nello stabile, dava luogo, oltre ad un fiorente spaccio anche ad un andirivieni di persone molesto per i cittadini lì residenti che non passava inosservato ai Carabinieri dell’Arma locale.

Gli uomini della Tenenza, sotto la direzione del loro Comandante, dopo aver monitorato, con efficaci servizi di osservazione la florida attività illecita dei cinque giovani spacciatori, unitamente a personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, conducevano un improvviso intervento nell’appartamento in questione, sorprendendo i giovani spacciatori ancora intenti a “tagliare” e “confezionare” lo stupefacente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le successive perquisizioni permettevano di rinvenire e sequestrare sia la somma di euro 3000,00 circa, provento delle attività illecite, sia tutto il materiale utile alla confezione dello stupefacente, oltre ad una discreta quantità di droga del tipo hashish e cocaina ed una pistola semiautomatica rivelatasi, dai successivi accertamenti inerte. I cinque arrestati venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Rebibbia in attesa del Giudizio di Convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento