rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Guidonia, migliaia di bikers alla V° Reunion a favore dei bambini con malattie rare

Si è concluso domenica il raduno dei bikers presso il TMR Village di Guidonia, con una raccolta fondi importante per i bambini affetti da malattie rare e autismo.

Si è concluso domenica il raduno dei bikers presso il TMR Village di Guidonia, con una raccolta fondi importante per i bambini affetti da malattie rare e autismo.

Da diversi anni ormai, il gruppo bikers "M.P.M. Roma M.C." attraverso la Onlus "8212 Respect for Children" da loro creata, si prodiga per raccogliere fondi per i bambini e le famiglie della CO.GE.MA.R. (Coordinamento Genitori Malattie Rare), ma non solo, attraverso vari eventi, il più importante proprio quello della "Reunion Bikers" giunta quest'anno alla quinta edizione. Questo connubio tra moto e solidarietà nasce proprio dalla storia di Manuel, uno dei bambini e della sua lotta per un percorso di vita migliore. Il papà del bambino, Antonio Manzo, ha scritto una lettera accorata agli organi di informazione, nella quale si denuncia la mancanza delle istituzioni, caso non infrequente, verso il sostegno alle famiglie di bambini affetti da malattie rare che necessitano di cure costanti e costose. Come si evince dalla lettera, l'idea è quella di creare un centro polivalente a sostegno delle famiglie con il denaro raccolto anche grazie ai fratelli bikers, che promuovono l'iniziativa a Roma ed in provincia. Il primo passaggio sarà quello di costituire la Fondazione "1diNoi", che funga da collettore delle risorse e da centro operativo per tutte le iniziative a seguire, come il centro polivalente. L'iniziativa, come tutte quelle promosse dai bikers, ha avuto anche quest'anno grande successo di pubblico. Tanta solidarietà e anche molto divertimento: musica, stand, cabaret e motori, moltissimi i bikers e gli amatori giunti da tutta Italia. (servizio e foto di Marta Rossi)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guidonia, migliaia di bikers alla V° Reunion a favore dei bambini con malattie rare

FrosinoneToday è in caricamento