menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lazio Ambiente-2

Lazio Ambiente-2

I vertici di Lazio Ambiente e l'Ass. Buschini incontrano i sindaci; pieno sostegno ai lavoratori

I Sindaci dei Comuni di Artena, Carpineto Romano, Colleferro, Gavignano, Gorga, Labico, Montelanico, Segni, Valmontone chiariscono la loro posizione su Lazio Ambiente.

I Sindaci dei Comuni di Artena, Carpineto Romano, Colleferro, Gavignano, Gorga, Labico, Montelanico, Segni, Valmontone chiariscono la loro posizione su Lazio Ambiente.

Ieri, Lunedi 4 Aprile, l'Assessore Regionale con delega ai Rifiuti della Regione Lazio, Mauro Buschini e il nuovo management di Lazio Ambiente rappresentato dall'Amministratore Unico Gregorio Narda e dal Direttore Generale Demetrio De Stefano, hanno incontrato i Sindaci del territorio della Valle del Sacco per dibattere sul futuro di Lazio Ambiente e dei lavoratori.

Quanto emerso dalla discussione ha, purtroppo, confermato i dubbi espressida noi Sindaci nei precedenti comunicati sullo stato economico finanziario in cui verte la Società che non consente di gestire le attività operative giornaliere. I Sindaci, nel confermare il pieno sostegno ai lavoratori, hanno confermato tutte le perplessità della scelta e delle dinamiche che hanno portato la Regione Lazio, in modo unilaterale e senza consultazione, a deliberare in Consiglio regionale l'uscita da Lazio Ambiente come socio unico. Durante l'incontro con fermezza è stato richiesto di conoscere la strategia che la Regione vuole intraprendere per risolvere il problema della sua partecipata.

Noi Sindaci siamo animati da buoni propositi e siamo disponibili a valutare proposte concrete per la salvaguardia della Società e per la gestione di un ciclo virtuoso dei rifiuti.

Se qualche Comune decidesse di uscire, in questo momento, da Lazio Ambiente dovrà saldare i debiti contratti con la Società e assorbire i lavoratori destinati all'espletamento dei servizi per la propria città anche se sono dipendenti del settore amministrativo e non solo operatori ecologici.

Noi Sindaci siamo disponibili a valutare il percorso che la Regione Lazio intende intraprendere prendendo le nostre decisioni dopo che l'Advisor (che sarà nominato dalla Regione) produrrà il Piano di Valutazione e dismissione della società. All'interno delle proposte fatte alla RegioneLazio esiste la necessità di effettuare scelte per il futuro dei lavoratori e degli impianti che dovranno essere condivise con i Sindaci che sono le prime autorità sanitarie dei territori. E' necessario che la Regione Lazio dia delle risposte esaustive sul futuro della partecipata e sulla strategia che intende applicare per la gestione dei rifiuti.

La Valle del Sacco, come è noto, è interessata dalla presenza di impianti di proprietà di Lazio Ambiente ed è l'epicentro di un inquinamento ambientale del Fiume Sacco e di un inquinamento dell'aria che penalizza la popolazione intera da molti anni. In ottica di salvaguardia ambientale non possiamo e non vogliamo che i tavoli tecnici organizzati dalla Regione Lazio abbiano dei tempi lunghi prima della stesura della strategia: il territorio e la popolazione non possono più attendere.

Il rilancio di questo territorio è determinato dalle scelte che la Regione Lazio deciderà di intraprendere ma con il coinvolgimento al tavolo decisionale dei Sindaci.

Noi tutti ci auspichiamo la creazione di una filiera pulita e virtuosa per la gestione dei rifiuti, che non preveda l'esistenza degli impianti d'incenerimento e della discarica su un territorio martoriato da anni dal degrado ambientale.

La realizzazione di una filiera del recupero di materia può essere la soluzioneper alcuni dei problemi ambientali e potrebbe rappresentare la soluzione per mantenere e creare posti di lavoro.

Ora ci auguriamo che dalle parole si giunga ai fatti in tempi brevi, noi continueremo a dare la massima attenzione al territorio e rappresenteremo il baluardo di difesa degli interessi dei cittadini e non permetteremo che la Valle del Sacco continui ad essere un terra maltrattata e ferita a livello ambientale.

SIAMO PRONTI A TUTELAREI LAVORATORI E L' AMBIENTE MA CIÒ NON DEVE COMPORTARE ULTERIORI COSTI PER I CITTADINI E UN PEGGIORAMENTO DEL SERVIZIO COME È AVVENUTO NEGLI ULTIMI ANNI.

Firmato: i Sindaci dei Comuni di Artena, Carpineto Romano, Colleferro, Gavignano, Gorga, Labico, Montelanico, Segni, Valmontone

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento