Cronaca

Il Comune vince la causa, licenziato Francesco Acampora

L'architetto fu sospeso dal lavoro per aver inviato alcuni atti del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio alla Corte dei Conti

Nel maggio scorso il Comune di Frosinone nella persona del sindaco Nicola Ottaviani aveva comunicato all'architetto Francesco Acampora, dirigente del settore Pianificazione SUE (Sportello  unico per l'edilizia) il suo licenziamento. La motivazione è racchiusa nelle sei fitte pagine dell'ordinanza emessa dal giudice del tribunale del Lavoro.  

La condanna

Ne riportiamo qualche stralcio: "per aver violato il codice di comportamento dei dipendenti pubblici non depositando la dichiarazione dei redditi; essere rimasto inerte in due ipotesi in cui avrebbe dovuto adottare dei provvedimenti espressi quale Dirigente, determinando così la condanna del Comune di Frosinone al pagamento delle spese di lite in due giudizi ed, in un caso provocando la rimessione degli atti giudiziari alla Corte dei Conti per la valutazione del danno erariale; per aver violato il principio di rotazione previsto dal codice degli appalti pubblici, assegnando incarichi e/o invitando alle gare ripetutamente gli stessi soggetti a volte anche in assenza della necessaria copertura finanziaria".

Ricorso rigettato

Un licenziamento per giusta causa che però era stato impugnato dallo stesso Acampora chiedendo di accertare e dichiarare la nullità illegittimità ed inefficacia di tale procedimento disciplinare. Nei giorni scorsi il giudice del lavoro si è pero pronunciato a favore del Comune che rappresentato dall'avvocato Italico Perlini ha rigettato il ricorso dell'architetto che dovrà suo malgrado accettare il licenziamento 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune vince la causa, licenziato Francesco Acampora

FrosinoneToday è in caricamento