Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Arce

Indagato il presidente della XV Comunità Montana di Arce, avrebbe favorito un imprenditore

A portare avanti l'inchiesta è stato il Procuratore Capo di Cassino, Luciano d'Emmanuele. Secondo quanto emerso dagli accertamenti 'abusando del suo ruolo' avrebbe consentito l'affidamento di delibere a società di sua conoscenza

Il presidente della XV Comunità Montana di Arce, Gianluca Quadrini è finito sotto inchiesta per un presunto 'abuso d'ufficio', avrebbe cioè consentito di adottare delibere a favore di due società il cui titolare è l'affittuario dei locali dove, lo stesso Ente ha la sede. A portare avanti le verifiche è stato il Procuratore Capo Luciano d'Emmanuele e gli investigatori della sezione di PG della Procura di Cassino. Nei giorni scorsi al presidente è stato notificato l'avviso di conclusione indagine.

I fatti

L'inchiesta, partita dopo un esposto, ha consentito al magistrato ed agli investigatori di accertare che il presidente della XV Comunità Montana di Arce, scrive il dottor d'Emmanuele, "abusando del suo ufficio di presidente ed al fine di avvantaggiare due società gestite di diritto e di fatto da un suo conoscente (peraltro le società hanno sede degli uffici in locali di proprietà della famiglia Quadrini - si legge ancora nell'avviso di conclusione indagine), faceva adottare delibere di affidamento alle predette di servizi di supporto all'attività dell'Ente censurate per profili di legittimità dall'Autorità anticorruzione".

La difesa

Il presidente Quadrini dal canto suo spiega di essere 'sereno e pronto a chiarire ogni cosa dinanzi all'autorità giudiziaria. Ho fiducia nella Giustizia che fa bene a svolgere il proprio lavoro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagato il presidente della XV Comunità Montana di Arce, avrebbe favorito un imprenditore

FrosinoneToday è in caricamento