La belva di Lanciano picchiò a sangue e rapinò il padre dell'ex sindaco Marini (foto e video)

Alexandru Bogdan Colteanu insieme al fratello venne arrestato dagli investigatori della Squadra Mobile di Frosinone. Da giardinieri si trasformarono in aguzzini anche di una coppia di imprenditori residenti in via Marittima

Alexandru Colteanu

La 'belva' di Lanciano, Alexandru Bogdan Colteanu, bloccato oggi pomeriggio dalla Squadra Mobile di Caserta, l'11 giugno del 2013 a Frosinone, massacrò di botte e legò ad una sedia per ore, il padre dell'ex sindaco Michele Marini. Una rapina spietata e crudele che costò al povero pensionato un mese di ospedale e un trauma senza fine. Due settimane dopo stessa sorte toccò ad una coppia di imprenditori residenti in via Marittima. Anche in questo caso vennero picchiati a sangue, brutalizzati e legati. Alexandru Colteanu e suo fratello cercavano danaro.

Cresciuti in viale Grecia

Perché loro - sin da bambini residenti a Frosinone, nella zona di viale Grecia, dopo essere arrivati dalla Romania - in quelle abitazioni svolgevano lavoro di giardinaggio. A bloccare la violenza inaudita dei due fratelli fu un blitz della Squadra Mobile di Frosinone. Gli investigatori dell'allora questore Giuseppe De Matteis e del capo della Squadra Mobile, il vice questore Carlo Bianchi, bloccarono i due minorenni spietati mentre fuggivano nelle campagne circostanti l'autostrada. A stanarli, tra rovi e pantani, furono i cani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Condannati a sei anni

Entrambi condannati dal tribunale dei Minori di Roma a sei anni di carcere, una volta scontata la pena, sono tornati in libertà ed hanno lasciato la provincia di Frosinone. Di loro si sono perse le tracce fino a tre giorni fa quando, con lo stesso, violentissimo modus operandi, hanno rapinato i due imprenditori di Lanciano. E anche in questo caso, come per Frosinone, gli aguzzini avevano svolto nella villa delle vittime, piccoli lavori di giardinaggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento