Cronaca

Labico, il sindaco Alfredo Galli aggredito in pieno centro dagli organizzatori della festa della nocciola e costretto alle cure in ospedale

Un tranquillo pomeriggio si è trasformato in una serata a dir poco movimentata in pieno centro a Labico con il primo cittadino Alfredo Galli che è stato aggredito e costretto alle cure del pronto soccorso di Colleferro fino alla nottata inoltrata...

Un tranquillo pomeriggio si è trasformato in una serata a dir poco movimentata in pieno centro a Labico con il primo cittadino Alfredo Galli che è stato aggredito e costretto alle cure del pronto soccorso di Colleferro fino alla nottata inoltrata. Il brutto episodio di cronaca è avvenuto verso le 8 della sera in pieno centro, nella

centralissima viale Matteotti. Il sindaco era appena uscito dal comune e con alcuni collaboratori e con l'assessora Ricci stava discutendo subito sotto la sede del Municipio. All'improvviso uno dei giovani organizzatori della festa della nocciola e delle cantine aperte (in programma il prossimo fine settimana) si è scagliato con veemenza prima contro l'assessora e poi contro il sindaco offendendolo ripetutamente e nel trambusto gli ha provocato una storta ad un piede. Per calmare gli animi sono dovuti intervenire i carabinieri della locale stazione e la situazione, dopo attimi e scene di panico, pian piano è tornata alla normalità.

"In oltre 30 anni che sono in politica - ci dice Alfredo Galli - è la prima volta che mi capita una cosa del genere eppure sono stato vicino a tutte le associazioni presenti sul nostro territorio. Sono stato offeso pesantemente con parole che fanno male alla mia persona. Sono stato accusato di essere fascista ed il giovane infervorato mi ha augurato di poter fare la fine di Craxi e di essere uno str...o. Il tutto perché non ho dato l'autorizzazione alla nascitura associazione Pro.noc.la per svolgere la festa della nocciola in quanto vi erano molte cose che non andavano nelle loro domande soprattutto per quanto riguarda la gestione e l'organizzazione delle cantine. Un episodio veramente triste per il nostro comune. I nostri cittadini non meritano questi atti di violenza gratuita. Nelle prossime ore presenterò una dettagliata denuncia ai Carabinieri".

Gli organizzatori si difendono e parlano di grave lacune amministrative soprattutto da parte dell'assessore Ricci: "quanto avvenuto ieri è la conseguenza di un comportamento da despota del sindaco che a soli tre giorni dalla nostra festa, l'unica che promuove un prodotto locale importante come la nocciola, non convoca l'associazione per risolvere i problemi ma all'improvviso da il no alla manifestazione, dopo che l'assessore alla cultura e membro della giunta Nadia Ricci, da almeno 20 giorni, non solo aveva garantito tutte le autorizzazioni necessarie, ma anche il patrocinio del comune (inserito nei manifesti) ed addirittura aveva concordato con l'associazione Pro.noc.La lo spostamento dal 22 al 28 settembre di uno spettacolo teatrale organizzato dal comune".

(in foto il Sindaco e Viale Matteotti)

DF

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Labico, il sindaco Alfredo Galli aggredito in pieno centro dagli organizzatori della festa della nocciola e costretto alle cure in ospedale

FrosinoneToday è in caricamento