rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

Lago di Canterno, bracconieri di carpe trovati con le nasse piene

Liberati dagli uomini della polizia provinciale un centinaio di pesci che erano stati pescati da quattro cittadini cinesi

Beccati con il bottino, ma questa volta non si è trattato di soldi e gioielli ma bensì di grossi pesci pescarti in modo illegale. Stiamo parlando di quattro cittadini di origini cinesi che si sono dati alla fuga appena hanno visto gli uomini delle forze dell’ordine che si avvicinavano.

Nella serata di martedì 25 ottobre il comando della polizia provinciale di Frosinone, attivato da una segnalazione inoltrata dalla compagnia carabinieri di Anagni, ha effettuato un’azione di contrasto al bracconaggio ittico presso la Riserva Naturale del Lago di Canterno nel nord della Ciociaria tra i comuni di Fiuggi e Ferentino.

Gli agenti della polizia provinciale, nelle persone del sovrintendente capo Massimiliano Neroni e dell’assistente Fernando Gabriele, giunti sul posto, hanno notato 4 uomini di nazionalità cinese sulle rive del lago mentre erano intenti a pescare e che, alla vista della pattuglia, si sono dileguati a bordo di un’auto. Dall’ispezione dei luoghi, resa difficile dal buio, gli agenti del Comando di polizia provinciale hanno trovato una nassa con dentro circa 100 carpe di varie dimensioni.

Recuperata la nassa utilizzata per la pesca di frodo, che poi è stata sequestrata, gli agenti hanno liberato il pesce sul posto. Il Comando della Polizia Provinciale di Frosinone, alla luce di quanto accertato e con ulteriori verifiche in via di esecuzione, intensificherà i controlli nella località del Lago di Canterno, per la vigilanza nelle materie non fondamentali per la Provincia (come previsto dalla Legge Delrio), in virtù della convenzione stipulata con la Regione Lazio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Canterno, bracconieri di carpe trovati con le nasse piene

FrosinoneToday è in caricamento