Malasanità, muore dopo un intervento all’anca. I familiari si oppongono alla richiesta di archiviazione

La donna di 59 anni di morì circa 12 mesi fa dopo una serie di complicazioni iniziate qualche mese prima con un intervento ad un’anca in un noto ospedale a Roma

A più di un anno di distanza dalla morte presso un ospedale di Roma della serronese Luigina Ercoli, deceduta a seguito di un intervento all’anca, i familiari si sono trovati di fronte ad una proposta di archiviazione del caso da parte della Procura.

Il figlio, l’avvocato Pignalberi Fabrizio, non ci sta ed ha deciso di fare opposizione all’archiviazione avanzata dalla Procura e di chiedere, contestualmente, il risarcimento dei danni morali subiti che potrebbe essere una “forma di Giustizia”, che ad oggi, ancora non si è vista.

A giorni la prima udienza che darà il via al lungo processo per arrivare alla verità e trovare il responsabile o i responsabili di tanto dolore dei familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento