Corruzione elettorale, il sindaco Veronesi a processo: soldi ai poveri in cambio di voti

La vicenda si sarebbe svolta nel corso della campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale di Monte San Giovanni Campano. Nei guai anche un consigliere, due cittadini ed un ex assistente sociale

Corruzione elettorale: avrebbe consegnato danaro alle persone in difficoltà in cambio dei voti. Il sindaco di Monte San Giovanni Campano, Angelo Veronesi, è finito sotto processo. Ieri il Gup del tribunale di Frosinone ha disposto il rinvio a giudizio a suo carico, a quello di un consigliere comunale, due cittadini ed un ex assistente sociale. La prima udienza del processo dinanzi al collegio penale è stata fissata per il 23 marzo 2021 quando i quattro saranno chiamati a  rispondere di peculato e corruzione elettorale.  

L'indagine

La vicenda, che vede coinvolte altre due posizioni che sono state stralciate e che si discuteranno sempre dinanzi al Gup il 25 novembre prossimo, ha avuto inizio dopo la denuncia presentata presso la Digos della questura di Frosinone da Marco Belli, portavoce del comitato civico Free Monte. Le indagini si sono concluse con la richiesta di rinvio a giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento