Morolo, scarichi inquinanti nel fiume Sacco. Denunciato un titolare di un’azienda

La scoperta è stata fatta durante i controlli eseguiti dai carabinieri del Nipaf (forestali) e dalla Polizia Provinciale

Ci risiamo. Nelle ore scorse è stata scoperta un’altra, l’ennesima azienda, che scarica nel fiume Sacco senza autorizzazioni. La responsabilità dell’azienda sarebbe emersa a seguito dei controlli congiunti sul fiume Sacco, finalizzati alla prevenzione e repressione degli illeciti ambientali. I controlli eseguiti dai carabinieri del Nipaf (forestali) e dalla Polizia Provinciale hanno portato alla scoperta di una densa coltre schiumosa provenire dallo scarico di una società di Morolo.

In particolare i reflui dello scarico stagnavano in una pozza schiumosa direttamente sul suolo, per poi convogliare (senza tubazioni protettive e quindi con una canalizzazione situata sul suolo) presso il fiume Sacco.  Le analisi di Arpa Lazio sui reflui hanno rilevato un superamento dei limiti tabellari imposti dalla norma per i parametri solfiti e tensioattivi totali. 

Le verifiche, dunque, sono state indirizzate al sistema di raccolta e depurazione delle acque di processo, domestiche e meteoriche della società, a valle della depurazione, nonché sullo stato autorizzativo dello scarico in oggetto.  Si è così potuto constatare che la società avrebbe dovuto scaricare i propri reflui direttamente su acque superficiali, mentre nei fatti lo scarico avveniva a circa trenta metri dal fiume. 

Ciò è potuto accadere perché il tecnico della società, nell’istanza autorizzativa, ha fatto figurare lo scarico come recapitante reflui direttamente sul fiume, mentre nella realtà la tubazione si fermava molto prima, scaricando i reflui sul suolo. Per tali motivi il rappresentante della società è stato denunciato. Un’altra denuncia ha raggiunto invece sia il rappresentante che il tecnico della società. Questi ultimi avrebbero redatto i documenti nei quali si attestava falsamente che lo scarico delle acque reflue avvenisse sul corpo idrico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento