Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Nettuno, la solitudine di Giovanna, rimasta sola dopo il sisma

I funerali dell'assistente capo della polizia di Stato Ezio Tulli, dei due figli minori e dei genitori della moglie, anche lei in polizia, Giovanna Gagliardi, l'unica superstite. Le esequie si sono svolte nella Basilica Nostra Signora...



La donna, insieme alla sorella Elisabetta, è l'unica che si è salvata: nel sisma sono morti suo marito, Ezio Tulli, i suoi figli, Leonardo e Federica, e i suoi genitori


È rimasta sola, Giovanna Gagliardi, 47 anni. In un attimo insieme alla sua casa si è sbriciolata anche la sua vita: nel sisma ha perso il marito, l'assistente capo della polizia di Stato Ezio Tulli, 42 anni, i suoi due bambini, Leonardo di 12 anni e Federica di 7 anni, i suoi genitori. E al funerale, a Nettuno, nel santuario dedicato a Santa Maria Goretti, con migliaia di persone venute a rendere omaggio a un dolore così grande e inimmaginabile, la sostenevano i colleghi, poliziotti come lei, che lavora all'ufficio passaporti del commissariato di Cisterna di Latina, e le stava accanto la sorella maggiore, Elisabetta, scampata al sisma di martedì.

La festa. Il 24 agosto si trovavano tutti ad Amatrice, nella casa dei genitori di Giovanna. Erano venuti, come tanti, per assistere alla 50esima sagra degli spaghetti all'amatriciana. Il solaio della vecchia casa è crollato addosso a tutti, schiacciandoli. Giovanna ed Elisabetta dormivano nel sottotetto. Il marito, Ezio, agente della Polstrada di Aprilia, dormiva al primo piano, nel letto matrimoniale, con i bambini. Nell'altra camera riposavano i genitori.

La scossa.

Alle 3.36 la prima scossa. Giovanna chiama subito, in mezzo ai calcinacci e alla polvere, nel buio, la questura di Latina. Poi chiama il marito e sente il cellulare squillare da qualche parte in mezzo a quel delirio. Un'ora dopo sia lei che la sorella vengono estratte vive. Tutti gli altri familiari sono rimasti schiacciati sotto le macerie. Li riconoscerà il fratello di Ezio, Maurizio: lei non avrà il coraggio di entrare nella camera mortuaria allestita ad Amatrice.

Il funerale. Nella chiesa di Nettuno, l'altro ieri, quando è arrivata la prima bara, quella di Ezio, tutti si sono messi ad applaudire. Poi sono arrivati feretri dei due bambini, due bare bianche, e quelli dei nonni. C'era anche il capo della polizia, Franco Gabrielli, a rendere omaggio all'agente e alla sua famiglia. E poi il questore di Latina Giuseppe de Matteis, i dirigenti dei commissariati di Anzio, Aprilia e di Cisterna.

© Riproduzione riservata

Caterina I. Paoletta 29 agosto 2016 06:32
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nettuno, la solitudine di Giovanna, rimasta sola dopo il sisma

FrosinoneToday è in caricamento