Cronaca

Olevano, toccante cerimonia in ricordo dei caduti di Nassiriya

Ad Olevano Romano, sabato 19 novembre 2016, si è vissuta una mattinata emozionante, grazie alla cerimonia di commemorazione delle diciannove vittime italiane della strage di terroristica del 12 novembre 2003 che a Nassiriya, in Iraq, seminò morte...

Ad Olevano Romano, sabato 19 novembre 2016, si è vissuta una mattinata emozionante, grazie alla cerimonia di commemorazione delle diciannove vittime italiane della strage di terroristica del 12 novembre 2003 che a Nassiriya, in Iraq, seminò morte e distruzione.

Massimiliano Bruno (maresciallo aiutante, Medaglia d'Oro di Benemerito della cultura e dell'arte); Giovanni Cavallaro (sottotenente); Giuseppe Coletta (brigadiere); Andrea Filippa (appuntato); Enzo Fregosi (maresciallo luogotenente); Daniele Ghione (maresciallo capo); Horacio Majorana (appuntato); Ivan Ghitti (brigadiere); Domenico Intravaia (vice brigadiere); Filippo Merlino (sottotenente); Alfio Ragazzi (maresciallo aiutante, Medaglia d'Oro di Benemerito della cultura e dell'arte) e Alfonso Trincone (maresciallo aiutante); questi i carabinieri uccisi nel tetro accadimento. Anche degli uomini dell'Esercito Italiano terminarono anzitempo l'esistenza per mano della follia assassina che in quegli atroci istanti degli esseri, qualificabili soltanto con degli aggettivi dispregiativi, posero in essere.

I loro nomi: Massimo Ficuciello (capitano); Silvio Olla (maresciallo capo); Alessandro Carrisi (primo caporal maggiore); Emanuele Ferraro (caporal maggiore capo scelto) e Pietro Petrucci (caporal maggiore). Due i civili che si accasciarono al suolo senza rialzarsi: Marco Beci (cooperatore internazionale) e Stefano Rolla (regista). Presso "Largo Caduti di Nassiriya" si sono adunati moltissimi cittadini, non esclusivamente locali, provenienti dai borghi limitrofi, oltre alle autorità civili, militari e religiose e ai rappresentanti dell'Associazione Nazionale Carabinieri. Il sindaco Umberto Quaresima, in fascia tricolore; il capitano della Compagnia Carabinieri di Palestrina, la dottoressa Grazia Centrone e gli uomini e le donne della Stazione Carabinieri di Olevano Romano hanno reso omaggio solennemente, con la deposizione della Corona di alloro, agli italiani caduti nel freddo novembre 2003 in Iraq. Ad Olevano Romano, senza retorica e con sentimenti vivi, brillanti e condivisi si sono ricordati, in senso più ampio, tutti gli italiani, militari e non, che hanno smesso di camminare sul sentiero della vita in situazioni simili a quella che da oltre un decennio è parte della storia contemporanea, europea e mondiale.

Fil. Cap.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olevano, toccante cerimonia in ricordo dei caduti di Nassiriya

FrosinoneToday è in caricamento