rotate-mobile
La ricostruzione / Cassino

Processo Mollicone, Pm: "Tuzi si è suicidato perchè lasciato solo da tutti"

In tribunale a Cassino ha avuto inizio la seconda parte della requisitoria dell'accusa: le richieste in tarda mattinata. La Siravo "l'unico che ha rotto il silenzio sulla vicenda di Serena e che ha pagato con la vita"

'Tuzi è stato l'unico che ha rotto il silenzio ed è stato l'unico che ha pagatot con la vita la sue dichiarazioni. Si suicidiato perchè lasciato solo". Il pm Maria Beatrice Siravo ha ripreso la requisitoria del processo per l'omicidio di Serena Mollicone e focalizza l'attenzione sulle cause che hanno portato il brigadiere dei Carabinieri Tuzi a suicidarsi con un colpo di pistola al petto l'11 aprile del 2008.

Una settiimana dopo aver raccontato alla Procura di aver visto Serena Mollicone entrare nella caserma di Arce il 1° giugno del 2001. Il sottufficiale dopo le dichiarazioni viene abbandonato da amici e colleghi. Per la morte di Tuzi è finito sotto processo anche per istigazione al suicidio l'ex vice comandante della caserma dei carabinieri di Arce, Vincenzo Quatrale.

"La famiglia Mottola è tutta coinvolta nell’omicidio di Serena Mollicone, così come la famiglia Ciontoli lo era nell’omicidio di Marco Vannini". Lo ha detto il pm Maria Carmen Fusco durante la requisitoria dinanzi la corte d’assise tribunale di Cassino che ha paragonato l'omicidio della studentessa di Arce con quello del giovane ucciso a Ladispoli, vicino Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Mollicone, Pm: "Tuzi si è suicidato perchè lasciato solo da tutti"

FrosinoneToday è in caricamento