Cronaca

Omicidio Mollicone, un'altra proroga per incastrare gli assassini

Le indagini sul delitto di Arce proseguiranno ancora per alcuni mesi. Oggi, nel diciassettesimo anniversario della morte di Serena, alle 18 si terrà una messa-ricordo nella chiesa dei Santissimi Apostoli Pietro e Paolo

Serena Mollicone

Le indagini sull'assassinio di Serena Mollicone proseguono senza sosta, tra perizie ed accertamenti ematici di rilevante importanza. Per questo motivo non si esclude che il sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo possa chiedere un'altra breve proroga.

Gli accertamenti del Ris

Questo per consentire agli esperti del Reparto Investigazioni Scientifiche di Roma di poter completare le analisi genetiche sul frammenti di sangue e vernice rinvenuto sul nastro adesivo che avvolgeva il corpo della studentessa di Arce uccisa il primo giugno del 2001, esattamente 17 anni fa. Gli investigatori dello speciale reparto dell'Arma unitamente ai colleghi di Frosinone e Pontecorvo, coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo, stanno completando le verifiche anche sulla porta contro la quale, quel maledetto venerdì, la ragazza potrebbe aver sbattuto la tempia sinistra dopo aver ricevuto un violentissimo pugno.

L'aggressione

Serena, secondo l'autopsia effettuata dall'anatomopatologa Cristina Cattaneo, sarebbe rimasta vittima un vero e proprio pestaggio. Botte, calci e pugni che l'avrebbero spiazzata. Poi il colpo finale, quello dello stordimento, contro la porta dell'appartamento situato all'interno della caserma dei carabinieri di Arce. 

La morte

Chi l'ha picchiata deve averla creduta morta e quindi ha pensato di occultare il suo corpo non prima di aver immobilizzato la ragazza e di averle inserito sulla testa un sacchetto di plastica. Serena il 1 giugno del 2001, esattamente 17 anni fa, è morta soffocata. Mani abbiette hanno lasciato che morisse, a soli diciotto anni.

Il ricordo

Oggi, come ogni anno, nella chiesa Santissimi Apostoli Pietro e Paolo di Arce, a partire dalle ore 18, si terrà una messa in suffragio dell'adorata figlia del maestro Guglielmo che mai si è arreso. La sua tenacia e la sua forza d'animo hanno fatto si che finalmente, dopo anni di buio, si arrivasse alla verità su una vicenda dai risvolti ancora oggi inspiegabili. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Mollicone, un'altra proroga per incastrare gli assassini

FrosinoneToday è in caricamento