rotate-mobile
L'indagine

"Abbiamo sentito Romina urlare, litigavano e poi il silenzio"

Il Gip del tribunale di Latina ha disposto l'incidente probatorio per cristallizzare la testimonianza degli studenti cinesi che la notte della tragedia, in via del Plebiscito a Frosinone, hanno ascoltato l'alterco tra la giovane e l'ex fidanzato Pietro Ialongo

Hanno sentito grida, urla, la voce di una donna disperata e poi le parole di un uomo e infine il silenzio. Sono studenti universitari cinesi gli unici testimoni della mattanza di via del Plebiscito a Frosinone. La notte tra il 2 ed il 3 maggio scorso hanno ascoltato quanto accadeva al primo piano dell'elegante palazzo situato a due passi dal Comune e dalla Prefettura di Frosinone. 

Una testimonianza fondamentale che sarà cristallizzata come fonte di prova attraverso un incidente probatorio fissato davanti al Gip del tribunale di Latina il prossimo 8 giugno. L'accusa intende ricostruire i momenti precedenti la morte della trentaseienne, ex commessa e barista originaria del Molise ma residente a Frosinone da anni e trova senza vita il pomeriggio di martedì 3 maggio dalle forze dell'ordine.

Per la sua morte è in carcere da quasi un mese l'ex convivente, Pietro Ialongo, anch'esso originario del Molise e che da anni viveva con la vittima a Frosinone. Romina, come emerso dall'autopsia, è stata dapprima afferrata al collo, nel tentativo di strangolarla e poi, davanti alla sua resistenza, sarebbe stata colpita a morte con otto o nove fendenti di cui due mortali. 

L'assassino è stato fermato in stato confusionale e nudo mentre girovagava lungo le dune della spiaggia di Torre Paola a Sabaudia. A segnalare la presenza di un uomo fuori di senno erano stati alcuni passanti ed il titolare di un lido che aveva allertato i Carabinieri. Quando i militari lo hanno fermato, rifocillato e condotto in ospedale, hanno scoperto che era residente a Frosinone dove, nello stesso frangete, la polizia stava sfondando la porta dell'appartamento dopo la segnalazione del nuovo compagno di Romina De Cesare. La ragazza era all'interno, senza vita e piena di sangue. Ialongo per questo motivo è stato arrestato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Abbiamo sentito Romina urlare, litigavano e poi il silenzio"

FrosinoneToday è in caricamento