Cronaca

Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia dovranno restituire all'Inps gli oltre 30 mila euro percepiti indebitamente. Denunciati per truffa ai danni dello Stato

Poveri sulla carta ma nababbi nella vita reale. I quattro aggressori di Willy Monteiro percepivano il reddito di cittadinanza nonostante le auto di lusso, il continuo ostentare di danaro e gioielli, le vacanze in alberghi e resort a cinque stelle. Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, ogni mese incassavano il benefit che il Governo ha disposto a sostegno delle fasce deboli: disoccupati e senza nessun reddito.

A scoprire la truffa sono stati i finanzieri di Colleferro che hanno avviato degli accertamenti patrimoniali a carico dei quattro che avrebbero omesso di indicare nelle autocertificazioni compilate i dati necessari a far emergere il loro reale tenore di vita. In questo modo si sono create le condizioni per accedere al beneficio.

Ucciso per i colpi violenti su tutto il corpo

La Guardia di Finanza quindi ha segnalato le irregolarità emerse dai controlli alla Procura della Repubblica di Velletri che ha quindi denunciato Marco e Gabriele Bianchi per il reato di truffa con l'aggravante del concorso tra di loro. Dovranno rispondere del reato di truffa ai danni dello Stato e quindi dell'Inps di Colleferro anche Francesco Belleggia e Mario Pincarelli. Non solo. Tutti e quattro dovranno restituire in tempi brevi oltre 30mila euro, a tanto ammonta l'importo che per quasi un anno hanno percepito indebitamente.

Aggiornamento alle ore 14 del 17 settembre

Nelle ore scorse è arrivata però la smentita dell'avvocato Massimiliano Pica secondo cui in sede di interrogatorio i due fratelli avrebbero affermato di non avere mai ricevuto il reddito di cittadinanza. Di non sapere neanche di cosa si tratta

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

FrosinoneToday è in caricamento