menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paliano, accolta con gioia dai detenuti la Croce simbolo delle Giornate Mondiali della Gioventù

Prosegue il pellegrinaggio della Croce della Gmg. Ieri, sabato 23 maggio, il simbolo per eccellenza delle Giornate Mondiali della Gioventù ha fatto visita ai detenuti del carcere di Paliano.

Prosegue il pellegrinaggio della Croce della Gmg. Ieri, sabato 23 maggio, il simbolo per eccellenza delle Giornate Mondiali della Gioventù ha fatto visita ai detenuti del carcere di Paliano.

La grande Croce di legno, che Giovanni Paolo II decise di affidare ai ragazzi del Centro Internazionale giovanile San Lorenzo di Roma, -ha affermato Davide Dionisi- ha varcato ieri le imponenti mura della Casa di reclusione di Paliano. Il simbolo delle Giornate Mondiali della Gioventù è stato accolto e portato in spalla dai suoi ospiti che hanno pregato ai piedi della Croce. Tanta la commozione all'interno di una struttura che ha una peculiarità: quella di ospitare unicamente collaboratori di giustizia. Per questo, la presenza di questa Croce ha assunto un significato particolare. Così come ci ha spiegato la direttrice, Nadia Cersosimo:

"In questo Istituto ha un significato particolare. In tutti gli Istituti di pena, ma in tutti i posti in cui c'è un dolore, un disagio, comunque la Croce rappresenta una rinascita. Tuttavia qui, ciò avviene maggiormente, perché i nostri detenuti aspettano il momento del confronto con la Croce di Cristo. Attraverso di essa, passa il loro percorso di vita. Rendono alla Croce quello che è stato il male fatto e loro assumono il peso della Croce. Solo in quel momento si rendono conto di quello che è il passaggio della loro vita: da una vita di delinquenza, di male, ad una vita nuova. È quindi, una rinascita a nuova vita, a risorsa per la società".

L'emozione e la commozione nella testimonianza di Claudio, uno dei ragazzi del Centro San Lorenzo che ha consegnato la Croce ai detenuti prima della liturgia:

"È stata una gioia, una grande gioia! Un'emozione talmente forte che mi riempie veramente il cuore di gioia. Portare la Croce qui, nel carcere di Paliano, è stato un motivo per dare ai detenuti qualcosa in cui credere. È stato davvero emozionante non solo per loro, ma anche per tutti noi del Centro San Lorenzo, perché vogliamo dare ai detenuti un'occasione di crescita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento