Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Paliano

Paliano, alla Selva il 1 Maggio con i lavoratori di Italia Alimentari e la CGIL-FLAI

Questa volta non c’erano le bandiere Rosse in compenso c’era la CIGL-FLAI (federazione Lavoratori Agro Industria), che stava solidarizzando con gli operai dell'azienda Italia Alimentari che distribuivano alcuni volantini nei quali descrivevano la...

Questa volta non c'erano le bandiere Rosse in compenso c'era la CIGL-FLAI (federazione Lavoratori Agro Industria), che stava solidarizzando con gli operai dell'azienda Italia Alimentari che distribuivano alcuni volantini nei quali descrivevano la loro difficile situazione e c'era anche chi distribuiva i volantini comunali che spiegavano come fare la differenziata.

Con qualche centinaio di persone in più rispetto alla Pasquetta e al 25 Aprile si è celebrato nei verdi prati del Parco Monumento Naturale della Selva Mola Piscoli il primo maggio nella più completa desolazione (ancora una volta è mancata l'assunzione di responsabilità del sindaco per autorizzare i produttori locali alla vendita) dal punto di vista enogastronomico, ma questa volta, almeno, i visitatori non si sono lamentati in quanto sono bastati i servizi messi a disposizione del comune: Bagni pubblici, Protezione Civile e Croce Rossa.

E' stata questa l'occasione per gli operai licenziati l'anno scorso ad Agosto ed ancora in mobilità, che non hanno potuto trovare nuova occupazione, di mostrare la loro rabbia con un volantino, distribuito anche dal Vice Sindaco Valentina Adiutori e dall'assessore all'ambiente Germanò, dalla Consigliera Maria Grazia d'Aquino e dal capogruppo consiliare Corrado Coccarelli: "Ricominciamo dal 1 Maggio le lavoratrici e i lavoratori in mobilità e in cassa integrazione della Italia Alimentari ricominciano dal 1 Maggio. Grazie all'amministrazione Comunale - si legge nel volantino distribuito dai lavoratori - sarà una festa dei lavoratori diversa insieme, per mano, per scongiurare il disagio e lo sconforto che la perdita del posto di lavoro può insinuare in ogni lavoratore che non è più tale. Resisteremo tenendo alta l'attenzione sulla "Fabbrica" presso cui si lavorava perché non diventi un non-luogo. Quelle mura devono riprendere vita ed offrire presto nuove opportunità di lavoro. Perché con il lavoro buono - conclude la CIGL FLAI - possiamo garantire un buon futuro alle generazioni a venire. Buon 1 Maggio a tutte e tutti".

Giancarlo Flavi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, alla Selva il 1 Maggio con i lavoratori di Italia Alimentari e la CGIL-FLAI

FrosinoneToday è in caricamento