Manette troppo strette: due agenti di Polizia penitenziaria a processo per lesioni contro un recluso

Davanti alla vicenda, relativa a un trasferimento tra la casa circondariale di Paliano (Frosinone) e un carcere di Roma, resta basito il sindacalista Olanda (Sippe): “Siamo stanchi di essere accusati di torture nei confronti dei detenuti”

Il prossimo 2 dicembre due agenti della Polizia penitenziaria dovranno presentarsi davanti al Giudice di Pace di Ferentino per rispondere dei reati di lesioni personali colpose (art. 590 del codice penale) e cooperazione nel delitto colposo (art. 113 c.p.). L’atto di citazione a giudizio, notificato lo scorso 16 giugno dalla Procura di Frosinone, parla di una querela di un detenuto che nel febbraio 2019, secondo l’accusa, avrebbe subito lesioni per via delle manette troppo strette ai polsi durante un trasferimento dalla casa circondariale di Paliano a un carcere di Roma e il viaggio di ritorno dalla Capitale alla Ciociaria.    

Non si è fatta attendere la reazione del basito Segretario generale del Sippe (Sindacato Polizia Penitenziaria) Carmine Olanda: “Questa vicenda è davvero incredibile - sbotta – Finire alla sbarra per delle manette presumibilmente strette e con una prognosi di due giorni è un fatto senza precedenti che non riusciamo a digerire. La polizia penitenziaria non può lavorare in queste condizioni, preoccupandosi giornalmente di accuse infamanti di soggetti evidentemente senza scrupoli che utilizzerebbero lo Stato per colpire lo Stato stesso. Siamo stanchi di essere accusati di torture, lesioni nei confronti dei detenuti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La Polizia penitenziaria - evidenzia in conclusione il Segretario generale del Sippe - salva vite umane, garantisce sicurezza sociale e non intende lavorare per pagare gli avvocati per difendersi da accuse che spesso si rivelerebbero fantasiose. Se un detenuto denuncia per presunte manette strette, non posso immaginare quali sarebbero le accuse se lo Stato autorizzasse la Polizia Penitenziaria ad usare il Taser in carcere. Ecco perché chiediamo norme che tutelino il lavoro della Polizia Penitenziaria, prevedendo un reato specifico, con pene severe, per detenuti che aggrediscono gli agenti della Polizia Penitenziaria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento