Paliano, per la Gran Tour una giornata insieme ai rivenditori della Calabria con un occhio sempre alla qualità

Una delle più importanti regioni del Sud per l’azienda Gran Tour, dove vengono fatturati circa 1,5milioni di euro, è sbarcata a Paliano con tutta la rete vendita per vedere da vicino la produzione degli arredi bagno e scoprire un’azienda modello...

 

Una delle più importanti regioni del Sud per l’azienda Gran Tour, dove vengono fatturati circa 1,5milioni di euro, è sbarcata a Paliano con tutta la rete vendita per vedere da vicino la produzione degli arredi bagno e scoprire un’azienda modello che punto tutto sulla qualità. Qualità del prodotto e qualità lavorativa dei dipendenti e degli impiegati. Il responsabile delle vendite della Calabria Gianmaria Corrao ha guidato la bella delegazione di una quarantina di persone, composta da giovani venditori, insieme ad alcuni colleghi della Sardegna ed accompagnati da Cristina Mandrini responsabile della rivista di settore Il Bagno oggi e domani che ha dedicato molto spazio all’azienda palianese nel numero in edicola, che hanno avuto modo di vivere delle intense giornate in Ciociaria, perché l’azienda dopo avergli fatto visitare il territorio, in particolare la città di Anagni e Fiuggi (dove hanno dormito) ed in queste cose si nota come l’azienda guardi al territorio anche sotto l’aspetto turistico, ha trasferito tutti nella propria struttura a Paliano dove ad attenderli vi era tutta la famiglia di Gerardo e Rino Iamunno con le rispettive signore che ovviamente hanno presentato l’azienda e la loro storia iniziata da una vetreria nel salernitano ed oggi diventata, in meno di 20 anni, un’azienda leader nell’arredamento del bagno, non solo in Italia, ma anche in Europa, ma l’azienda già guarda ai nuovi mercati mondiali. I rivenditori calabresi hanno avuto, inoltre, anche la possibilità di assistere a due importanti lezioni di management con Giampiero Canestraro (dell’Unione Industriale di Frosinone) e soprattutto con la formatrice Melinda Bianchi che li ha intrattenuti con la sua avvincente relazione nell’approfondire le tecniche di vendita, facendo capire loro l’importanza del raggiungimento dell’obiettivo del fatturato, adoperando parole convincenti e mai banali. La giornata si è chiusa, poi, con la conoscenza dell’azienda, perché tutti hanno avuto la possibilità di conoscere le varie fasi di produzioni, ma quello che più ha colpito i visitatori è stato il fatto che l’azienda non butta via niente, perché i trucioli, vengono recuperati automaticamente per produrre calore utilizzato per riscaldare l’azienda, insieme ad un consistente impianto di fotovoltaico che fa risparmiare all’azienda una bella cifra di circa 250.000 euro l’anno. Ma quello che più ha colpito tutti è il modo in cui vengono trattate le maestranze, una sessantina circa, il rapporto che si è instaurato tra i titolari dell’azienda Gerardo che si occupa di management dell’azienda, Rino invece della fabbrica ed è un lavoratore come tutti gli altri dipendenti. Dipendenti che hanno la possibilità di agevolazioni a cominciare dall’orario flessibile, anche per mantenere in famiglia l’orto, gli oliveti e la vigna. La possibilità di avere dei ticket restaurant per premiare meritocraticamente l’impegno per migliorare la qualità come a dire: “Più si alzano gli standard qualitativi più si alza il ticket che spetta a tutti i dipendenti non solo della parte produttiva - ha spiegato il direttore commerciale Alessandro Rorato - perché vogliamo valorizzare l’impegno e il senso di responsabilità di gruppo”. E’ ovvio che per loro, oltre alla tredicesima mensilità, vi è anche una sorta di quattordicesima mensilità con il sistema della produzione improntato sulla qualità. Altro, piccolo vantaggio per le maestranze, la possibilità di avere un piccolo prestito a tasso zero, fino a 5.000 euro da restituire in piccole rate fino a 24 mesi, trattenute sulla busta paga. Insomma, la gran tour di Paliano è un’azienda moderna che punta ancora molto sulle risorse umane interne per crescere ulteriormente in un mercato sempre più competitivo e globale. Giancarlo Flavi (foto e servizio) Video di Filippo Rondinara

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento