Paliano, partita alla grande la stagione olearia

Al frantoio delle Mole si puntà alla bontà del prodotto. Celletti: “faremo più olio e di qualità superiore”

E’ già uscito il primo olio extravergine a Paliano al frantoio della Cooperativa palianese con qualità organolettiche eccezionali che dimostrano come ci sia un olio di qualità in questa stagione olearia.

Paliano in controtendenza

Paliano in controtendenza rispetto al resto della provincia. La cooperativa palianense ha già aperto lunedì scorso la stagione della molitura con la produzione in crescita rispetto allo scorso anno, mentre nel resto della provincia la produzione sembra essere in leggero calo

Più olio, più qualità

“Abbiamo cominciato lunedì a molire il prodotto conferito da soci, comunque in anticipo rispetto al periodo medio di molitura. I dati che ci arrivano dal territorio – dice Pietro Celletti, presidente della cooperativa  – sono confortanti. Faremo più olio e anche di qualità superiore. La conferma ulteriore del trend è emersa l’altra sera durante l’assemblea annuale che ha approvato il bilancio consuntivo della cooperativa agricola che conta 1900 soci conferitori. Il frantoio di Paliano ha lavorato nel 2016/2017 12.000 quintali di olive, per una resa finale di 1.500 quintali di olio.

celletti-2-2

Si punta ai 20.000 quintali

Le previsioni della produzione appena avviata sono in aumento. “Prevediamo – aggiunge Celletti affiancato dal vicepresidente Adriano Fantauzziun conferimento complessivo che si attesterà intorno ai 17.000, anche 18.000 quintali di prodotto”. “Rinnovo anche qui, come già fatto nelle altre grandi città dell’olio di questa terra, l’appello agli olivicoltori, che siano essi piccoli o grandi, professionali o amatoriali, perché consegnino in cooperativa tutto il proprio prodotto".

Abbiamo bisogno di fare grandi concentrazioni di olio – ha spiegato in assemblea Pietro Greco, direttore della Coldiretti di Frosinone – per riposizionarci sui mercati, in particolare sulla piazza romana. La richiesta di extravergine di oliva di qualità, tracciato nella provenienza e verificato lungo la filiera fino ai banchi vendita, è in progressivo aumento. I consumatori devono poter comprare il nostro olio.

Olio di Paliano 1-3

Mettiamo da parte i campanilismi personali

Se mettiamo da parte gli individualismi e condividiamo una strategia territoriale di cooperazione e condivisione abbiamo grandi possibilità di vendere più olio locale e di poterlo vendere al prezzo adeguato non solo alla copertura delle spese, ma anche – ha concluso Greco – alle legittime aspettative di reddito delle aziende”.

Olio di alta qualità

Intanto, l’olio uscito dalla prima molitura  è davvero eccezionale con una sapidità di altri tempi e così il presidente ha veramente ragione da vendere e quindi si deve ricordare agli agricoltori, che ci leggono, che la molitura deve essere fatta entro le prime 24 ore dalla raccolta, al fine di ottenere la qualità, a cui punta moltissimo la cooperativa Palianese

celletti e greco-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento