menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pastena,  condivide la giornata della memoria

Il tempo non  ha cancellato l’orrore di Auschwitz e degli altri campo di concentramento dove vennero uccisi milioni di ebrei.

Il tempo non ha cancellato l'orrore di Auschwitz e degli altri campo di concentramento dove vennero uccisi milioni di ebrei.

Il tempo non ha coperto la vergogna di quegli anni nei quali la follia umana ha concepite forme di tortura e di sterminio inaudite, spaventose, disgustose.

Il tempo non potrà dare la vita alle donne che caricate come pacchi postali su carri bestiame , approdarono dopo giorni di viaggio in luoghi infernali che sarebbero diventati famosi per le loro mostruosità e per gli assassini lucidi, freddi e premeditati su un popolo definito come il male assoluto.

Il tempo non potrà dare il sorriso a quei bambini che il destino non ha fatto mai crescere e che sono morti o di stenti o nelle camere a gas.

Il tempo che non ha avuto alcun futuro per i tanti uomini dapprima costretti a rinunciare ad avere una identità, a rinunciare ad essere uomini e poi lavorare come macchine fino ad esaurire tutte le energie e finire nei forni crematori.

Il tempo nonostante i 70 anni trascorsi dalla liberazione dei sopravvissuti della shoah, ha impresso nella nostra mente l'immagine di quelle forme larvali di corpi che a malapena riuscivano a respirare, che muovevano lentamente e meccanicamente i muscoli senza sapere cosa stava accadendo.

Il tempo è la storia di un popolo vittima della più grande operazione di pulizia etnica mai concepita dall'uomo, il tempo è testimone di una umanità perduta, è la memoria di uno smarrimento totale della ragione, è la traccia di un oblio dei sentimenti di giustizia, libertà e fratellanza, i soli che hanno permesso alla società di crescere nell'economia, nel sapere e nel benessere.

Il tempo siamo noi che non possiamo dimenticare nulla di quanto è successo in quei terribili anni di guerre, bombardamenti, repressione, miseria e di oltraggio alla popolazione civile.

Il tempo appartiene alla nostra storia e la storia non può essere cancellata, il tempo deve insegnarci ad essere accanto agli uomini, ad essere solidali e non contro i popoli, ad essere costruttori di pace e non adulatori di tiranni, a volere il bene e non a seminare l'odio.

Il tempo deve scrivere un'altra storia, senza genocidi, senza shoah, senza Auschwitz .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento