Uccide un uomo a pugni in faccia per le avances alla moglie. Si costituisce in commissariato

In queste ore si è messa la parola fine ad una brutta vicenda di cronaca nera che scosse nel febbraio del 2014 il paesino nel sorano e che terminò con una morte ed una condanna per omicidio

Dopo quasi cinque anni esatti ha deciso di pagare il conto con la giustizia. Danny Palombo che nel febbraio del 2014 uccise con una serie di pugni sul volto in piazza a Pontecorvo Angelo Ascione, nelle ore scorse si è costituito in commissariato a Sora.

Un omicidio che lasciò il segno

Un omicidio che scosse profondamente il paesino nel sorano vista la violenza dell’esecuzione nella pubblica piazza e vista la storia che vie era dietro e che ha scatenato l’ira del 37enne. Ascione era andato a casa della famiglia Palombo per montare una lavatrice che avevano acquistato nel loro negozio e qui avrebbe tentato di abusare sessualmente della moglie americana di Palombo.

La condanna

Questo episodio ha scatenato la reazione dell’uomo e quindi l’aggressione mortale in piazza nel paese. Per la precisione Ascione dopo le botte rimase gravemente ferito e venne portato all’Umberto primo dove morì dopo cinque giorni. Danny Palombo, responsabile del pestaggio, fu arrestato con l’accusa di omicidio preterintenzionale. In primo grado fu condannato a 8 anni, pena poi ridotta in appello a 6 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento