Picinisco, i cani Ron e Nadia 'fiutano' la presenza di droga in casa. Arrestato un 24enne del posto

Arrestato un 24enne trovato in possesso di 5 involucri termosaldati contenenti circa 28 grammi di cocaina in parte già pronta per essere smerciata

Nel corso delle attività d’indagini espletate nella Valle di Comino i carabinieri della Stazione di Picinisco hanno effettuato una perquisizione locale, eseguita nelle prime ore di ieri mattina, a danno di un giovane del posto. I militari sono stati coadiuvati dai colleghi del NORM della Compagnia di Cassino e dal Nucleo Cinofili di Santa Maria di Galeria.

I carabinieri hanno arrestato in flagranza del reato di ‘detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti’  D.S.M.F., 24enne, poiché nel corso della perquisizione, condotta con l’ausilio delle due unità cinofile di Roma hanno rinvenuto, in alcune intercapedini sulle mura esterne della cantina attigua all’appartamento del giovane, 5 involucri termosaldati contenenti complessivamente circa 28 grammi di cocaina, contestualmente sottoposta a sequestro. La droga è stata individuata grazie all'aiuto di due cani, “RON” e “NADIA”, che condotto le forze dell'ordine nei pressi della cantina dove hanno immediatamente ‘fiutato’ la presenza di sostanze stupefacenti nelle intercapedini poste sui muri della cantina, nella plafoniera e nel telaio della porta. Parte della droga scoperta era già stata preparata in ovuli termosaldati, pronti per essere smerciati ai tossicodipendenti del luogo, con un nastro di cellophane uguale ad un altro rinvenuto dai Carabinieri all’interno della camera da letto del D.S.M.F., unitamente alla somma di euro 360 in banconote di vario taglio anche esse sottoposte a sequestro.

I carabinieri hanno accertato la correità  di D.S.L., 33enne, fratello dell’arrestato, già censito per analogo reato, furto e resistenza a P.U., che contestualmente veniva deferito in stato di libertà alla citata A.G. per gli stessi reati. In considerazione della flagranza dei reati D.S.M.F. veniva tratto in arresto e, dopo gli accertamenti di rito, tradotto in regime di arresti domiciliari, presso la sua abitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento