Cronaca

Piedimonte, colpi di pietra sulla testa di un connazionale, fermato un marocchino

L'uomo, trattenuto nella caserma dei Carabinieri per tutta la notte, è stato poi denunciato per ii reato di lesioni. Il ferito, trasportato in ospedale, non corre pericolo di vita

L'ambulanza davanti al caserma dei Carabinieri

Ha preso a colpi di pietra sulla testa un suo connazionale, reo di avergli 'rubato' il lavoro giornaliero. E' finita prima in caserma e poi in Procura la bravata di un marocchino di ventisette anni che, ieri sera, a Piedimonte San Germano, al termine di un violento alterco, ha aggredito un conoscente. A bloccare la rabbia dell'uomo sono stati i carabinieri del capitano Ivan Mastromanno che sono riusciti a strappare la pietra dalle mani del 'giustiziere'. L'aggressore è stato portato in caserma e poi denunciato in Procura per lesioni. Il ferito è stato invece trasferito in ambulanza presso il pronto soccorso del 'Santa Scolastica' di Cassino. Guarirà in una decina di giorni e non corre pericolo di vita.

I controlli

Nella giornata di martedì, inoltre, sempre i Carabinieri di Cassino, hanno perquisito la palazzina di via Mulattiera dove vengono alloggiato i profughi. Tre le cooperative che ospitano gli stranieri. I militari del comandante della stazione dei carabinieri di Cassino, il luogotenente Gennaro Raucci, hanno passato al setaccio ogni angolo della struttura ma senza trovare droga. Sul posto anche operai dell'Enel per la verifica dei contatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piedimonte, colpi di pietra sulla testa di un connazionale, fermato un marocchino

FrosinoneToday è in caricamento