Omicidio Gabriel, i Ris passano al setaccio anche i vestiti di nonna Rocca e lo zio Luciano

La prossima settimana i carabinieri effettueranno dei prelievi di terriccio nel luogo dove sarebbe avvenuto l'assassinio del bimbo. Intanto questo pomeriggio, a Piedimonte, sarà celebrata una messa in ricordo del piccolo morto un mese fa

Il terriccio presente nel campo degli orrori sarà prelevato e comparato con gli abiti presenti in casa di Donatella Di Bona, la madre di ventotto anni in carcere per aver assassinato il figlioletto Gabriel che di anni ne aveva solo due. Questa la novità emersa nelle ultime ore e trapelata dalla corte di riserbo che la Procura di Cassino ha fatto calare su questa terribile vicenda. Non solo gli abiti del bambino e della madre ma anche quelli della nonna Rocca e dello zio materno Luciano saranno esaminati. Così come ad essere esaminati saranno i telefoni cellulare dei due parenti prossimi al piccoletto morto soffocato lo scorso 17 aprile. Gli accertamenti dei Ris avranno inizio martedì 21 maggio.

Le sconvolgenti parole della nonna

La messa in ricordo

Questo pomeriggio, nella chiesa della Madonna dell'Assunta, nel centro di Piedimonte San Germano si terrà la messa in ricordo del bimbo ad un mese dalla sua morte. Un gesto d'amore dell'intera collettività nei confronti di un'anima innocente. La funzione avrà inizio alle ore 16.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricordo dei vicini di casa: "andava giro per strada tutto nudo"

La vicenda

Gabriel Feroleto è stato ucciso volontariamente, ancora non è ben chiaro se dalla madre o dal padre Nicola anch'egli in carcere da quasi un mese come la compagna, Donatella Di Bona, nel pomeriggio di mercoledì 17 aprile. In un primo momento la donna cerca di nascondere l'infanticidio parlando di un investimento da parte di un'ipotetica auto pirata ma con il passar delle ore quello che emerge è una tristissima realtà: il bambolotto biondo di appena due anni e mezzo è stato assassinato perchè si sarebbe ribellato ai genitori impegnati, come emerge dall'ordinanza del Gip, ad avere un rapporto sessuale in auto e alla sua presenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento