Orrore a Piglio, due cuccioli di cane affogati nell'acqua gelida

L’uccisone è avvenuta davanti ai loro due fratellini che li hanno vegliati per ore.La denuncia dal portavoce di Alleanza Popolare Ecologista, Rinaldo Sidoli

Uno dei cuccioli uccisi

Due cuccioli simil maremmano sono stati affogati nelle acque gelide di un fontanile del comune del Piglio. L’uccisone è avvenuta davanti ai loro due fratellini che li hanno vegliati per ore. I corpi esanimi sono stati rinvenuti questa mattina lungo la strada che conduce verso gli Altipiani di Arcinazzo”, lo rende noto Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza Popolare Ecologista (Ape).

Una violenza inaudita

“L’uso della violenza - prosegue - per risolvere, con un macabro e inaccettabile fai-da-te, l’emergenza randagismo è un fatto di una gravità inaudita che non possiamo tollerare. La polizia locale è stata informata dei fatti. Rimaniamo in attesa che i Carabinieri del luogo avvino un’indagine per arrivare agli autori del macabro gesto. Nei mesi precedenti abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di cittadini per la presenza di animali vaganti sul territorio, che a loro dire, rappresenterebbero un pericolo di sicurezza e un problema di sanità pubblica. Invitiamo i comuni del Piglio e di Arcinazzo Romano a rispettare la Legge Regionale 21 Ottobre 1997, n. 34 in materia di prevenzione del randagismo. Siamo fermamente convinti che per contrastare il maltrattamento degli animali sia necessario avviare con urgenza un piano di sterilizzazione al fine di ridurre il fenomeno delle nascite incontrollate e il sovraffollamento nei canili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pene più severe per i reati in danno agli animali

“Questo ennesima barbarie nei confronti di esseri indifesi - conclude Sidoli - conferma una volta di più l’urgenza di inasprire le pene previste dal codice penale per i reati in danno agli animali. Uccidere in maniera sadica degli esseri di qualche settimana evidenzia la pericolosità sociale dell’individuo. Ricordiamo che i sindaci hanno l’obbligo di tutelare l’incolumità dei loro cittadini a quattro zampe. Pertanto ci auguriamo che si costruiscano parte civile in un procedimento penale. È arrivato il momento che il legislatore si faccia promotore di una iniziativa forte su un tema trasversale alle forze politiche. Chiediamo al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede e al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, di tenere fede agli impegni assunti di fronte a milioni di cittadini. È giunto il tempo che la politica e le istituzioni passino dalle parole alle iniziative concrete”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Ceccano, i nomi dei 16 eletti in Consiglio comunale e tutti i numeri delle Elezioni 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento