Piglio, Il Convento di San Lorenzo sarà affidato alla nuova Provincia Francescana di Centro Italia. Chiude Colleferro e Cave

La notizia è stata data dal Ministro Provinciale P. Vittorio Trani al Sindaco Avv. Mario Felli e  al popolo  pigliese al termine dei festeggiamenti estivi in onore del Beato Andrea Conti e  i frati P. Angelo Di Giorgio superiore del convento e...

il sacro convento di san Lorenzo

La notizia è stata data dal Ministro Provinciale P. Vittorio Trani al Sindaco Avv. Mario Felli e al popolo pigliese al termine dei festeggiamenti estivi in onore del Beato Andrea Conti e i frati P. Angelo Di Giorgio superiore del convento e Rettore della chiesa di san Lorenzo e il diacono frate Lazzaro resteranno fino al 24 Aprile 2017 giorno in cui sarà costituita giuridicamente la nascente Provincia Francescana che troverà le modalità più idonee per gestire il convento di San Lorenzo, mentre è stata confermata definitivamente la chiusura dei conventi e delle chiese di Colleferro, di Cave, di Bagnoregio e Lavinio per mancanza di vocazioni.

Non solo! Nell’ambito dell’accorpamento delle Province francescane nell’Italia Centrale, il convento di San Lorenzo di Piglio assumerà un ruolo molto ambizioso: ne “diventerà la sede spirituale”, per incontri, ritiri, esercizi spirituali, manifestazioni religiose e culturali e quanto altro di analogo.

Del resto questo luogo, santificato dalle orme di San Francesco, del Beato Andrea, del servo di Dio p. Quirico Pignalberi, di San Massimiliano Kolbe, del Beato Giovanni Paolo II, è veramente un’oasi di pace, di spiritualità, di invito al raccoglimento: è un patrimonio di sacre memorie da conservare, tutelare e onorare.

E pensare che proprio nei giorni scorsi il Ministro Generale dei frati minori conventuali, fr. Marco Tasca, aveva firmato il Decreto con il quale sanciva l’uscita dei frati dal sacro convento il 30 Settembre 2016.

La notizia aveva provocato una grande mobilitazione del popolo pigliese unito da un antico e profondo legame dopo 800 anni dall’antico al Convento e, in particolare, alla chiesa, al Beato Andrea Conti e alla sua grotta, alla cappellina del Sacro Cuore ove è sepolto il Venerabile P. Quirico Pignalberi, ma la speranza che ciò non accadesse era alimentata dalle fervide e continue preghiere rivolte al Beato Andrea che, dall’alto dei cieli, le ha accolte e da ultimo una invocazione innalzata al Padre Celeste da Sua Ecc. Mons. Lorenzo Loppa Vescovo della Diocesi di Anagni Alatri e da Mons. Gianfranco Girotti OFM Conv. durante la concelabrazione della Santa Messa in onore del patrono San Lorenzo del 10 Agosto 2016 nella Collegiata Santa Maria Assunta.

Intanto a Piglio c’è stata mobilitazione della gente che ha iniziato una raccolta di firme per non far chiudere il convento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento