Piglio, Questa è una discarica altro che “porta a porta”

Un problema che la civica amministrazione non è riuscita a risolvere da  circa sette anni.

Un problema che la civica amministrazione non è riuscita a risolvere da circa sette anni.

Sono passati sette anni da quando la stampa locale aveva segnalato lo stato di degrado dovuto dalla inciviltà di alcuni cittadini abitanti sulla storica Via San Lorenzo invasa dalla “monnezza” nei pressi della Cona del Beato Andrea Conti.

Il viandante, che si trovi a passare in questi paragi, viene accolto da tanti sacchetti di immondizia sparsi qua e là nella storica Via San Lorenzo tanto da far pensare di essere a Napoli anziché a Piglio. Lo sapete perché? E’ presto detto!

Perché alle venticinque famiglie che abitano su questa strada viene preclusa la raccolta differenziata così detta “porta a porta” in quanto la strada dove loro abitano, pur avendo tutti i requisiti di essere una strada pubblica con tanto di servizi (fogne, acquedotto, numeri civici e illuminazione pubblica) viene definita dalla Civica Amministrazione strada “Privata”, per cui alla società Lavagna di Benevento, che è subentrata dal 16 Dicembre 2015 alla gestione del servizio di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento dei rifiuti urbani e industriali, pericolosi, viene preclusa la possibilità di raccogliere l’immondizia su Via San Lorenzo dal numero civico 49 al civico 54 la raccolta dei rifiuti cosiddetta “porta a porta”.

Una soluzione al problema deve essere immediatamente trovata per togliere questo sconcio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento