menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Usurai anche durante la pandemia, maxi sequestro patrimoniale per padre e figlio (video)

La Guardia di Finanza, in azione a Pontecorvo, ha posto i sigilli, su disposizione del tribunale per le Misure Preventive di Roma, a conti correnti, attività commerciali e beni immobili per un milione di euro. L'indagine è stata coordinata dalla Procura di Cassino

Neanche l'epidemia di Covid ha fermato la loro attività illecita. E' quanto sostiene la Procura di Cassino e la Guardia di Finanza. Per questo motivo a carico di padre e figlio, residenti a Pontecorvo, è stato chiesto un provvedimento di sequestro al fine di confisca dei beni accumulati in venti anni di presunta attività illecita.

L'operazione

Per questo motivo il personale investigativo della Finanza di Frosinone "sin dalle prime ore di questa mattina, sta dando esecuzione a misure di prevenzione patrimoniali nei confronti di due pluripregiudicati di Pontecorvo. Nello specifico, le Fiamme Gialle del Gruppo di Cassino stanno procedendo al sequestro preventivo anticipato finalizzato alla confisca di beni e utilità nella disponibilità di M. S. di anni 60 e G.S. di anni 31, rispettivamente padre e figlio, noti nell’hinterland cassinate per il notevole spessore criminale per le numerose condotte illecite perpetrate in circa un ventennio di attività. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale Ordinario di Roma – Sezione per l’applicazione delle misure di prevenzione, su proposta del Procuratore della Repubblica di Cassino, Luciano d’Emmanuele e del sostituto procuratore Roberto Bulgarini Nomi, ai sensi del d.lgs. 159/2011, c.d. “Codice Antimafia”, a seguito degli accertamenti economico-finanziari eseguiti dai Finanzieri della città martire che hanno permesso di evidenziare, in capo ai due pluripregiudicati una netta sproporzione tra redditi dichiarati e beni posseduti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Venti anni di 'attività'

"A partire dai primi anni duemila, i soggetti investigati sono stati accusati di associazione a delinquere finalizzata alla produzione ed al traffico di sostanze stupefacenti, minacce e danneggiamenti, violenza a pubblico ufficiale, favoreggiamento, bancarotta fraudolenta, e da ultimo sono stati sottoposti a misura cautelare e condannati per i reati di usura, estorsione, continuata ed aggravata. Concretamente, la pericolosità sociale, la propensione a delinquere ed il dispregio delle regole e delle Istituzioni si sono più volte manifestate, nel corso del tempo, con comportamenti di vario genere, che vanno dalla violenza, anche mediante uso di armi nei confronti degli usurati, alle minacce ed ai danneggiamenti patrimoniali, oltre all’ostacolo alle indagini condotte dall’Autorità Giudiziaria - si legge ancora nel comunicato -. In particolare, grazie alle moderne tecniche investigative utilizzate è stato possibile effettuare una meticolosa ricostruzione patrimoniale ed un’attenta analisi dei flussi finanziari derivanti dalle illecite attività poste in essere. I proventi illegalmente ottenuti venivano reinvestiti nell’acquisto di società operanti nel settore delle scommesse, ovvero di centri estetici e di negozi di abbigliamento, con sede anche in note località turistiche del Pontino, nonché nella costruzione di edifici residenziali. Inoltre, al fine di ostacolare la riconducibilità delle quote societarie e dissimularne la reale titolarità, le partecipazioni societarie venivano intestate sia a parenti che a terzi “prestanome”. Nel dettaglio, è stato sottoposto a sequestro un ingente patrimonio di valore superiore a un milione di euro, costituito da liquidità rinvenienti dai conti correnti, da quote societarie, da autoveicoli e ville di lusso".

L'amministratore dei beni

I beni sequestrati, in attesa della definitiva confisca, saranno gestiti da un amministratore giudiziario nominato dal Tribunale di Roma. Nei confronti dei due è stata fissata l’udienza per l’applicazione della misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nei Comuni di residenza per la durata di 3 anni. In tale sede si deciderà anche sulla confisca definitiva dei beni.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento