Pontecorvo, fatti togliere i manifesti elettorali di Roscia. Scoppia la polemica

Un'ordinanza della polizia locale "accende" la campagna elettorale nel sud della provincia di Frosinone

Scoppia la "guerra dei manifesti" elettorali che non sono stati affissi negli appositi spazi predisposti dai comuni, per le elezioni Nazionali e Regionali. Il tutto parte da Pontecorvo dove è in atto una la “guerra” politica e personale tra il Sindaco Anselmo Rotondo e il capo della minoranza ed ex sindaco Riccardo Roscia candidato alle regionali con “ Noi per l’Italia”. Il responsabile della polizia locale S/T Luigi Dichiaro ha  firmato l’ordinanza di rimozione di alcuni manifesti guarda caso del candidato alla Regione Lazio  Riccardo Roscia nella quale vi è scritto:  “di rimuovere alla de fissione del manifesto elettorale ubicato sulla facciata di un immobile sito in Largo Marconi, incrocio Via. S. G. Battisti, avvertendo che qualora non vi provveda, la de fissione sarà curata dal Comune e le spese sostenute saranno poste a carico del diretto interessato”.

Ordinanza emessa contro Roscia

Questo il "succo" dell’ordinanza emessa a Pontecorvo e che ovviamente si ripercuote almeno su tutta la provincia dove non posso esserci figli e figliastri. Ordinanza, che però deve essere applicata in tutti i comuni della provincia o se preferite in tutta Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le rassicurazioni del sindaco 

"Venuto a conoscenza della violazione della direttiva della Prefettura di Frosinone, aderendo al principio di legalità ho ritenuto opportuno informare le forze dell'ordine. Nulla di personale nei confronti del candidato in questione, anche perchè, tutti hanno potuto constatare che altri candidati alle politiche alle regionali che hanno aperto sedi a Pontecorvo (vedi il candidato alla camera Gianrico Ranaldi e Mauro Buschini alla Regione) non si sono permessi di affiggere mega 6x3, si sono attenuti alla circolare della prefettura".  Lo afferma il sindaco Anselmo Rotondo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento