Cassino, la disperazione dei residenti via Cerro: "tra rifiuti e fetore si muore ogni giorno di più"

Una protesta pacifica quella portava avanti sabato per sensibilizzare le Istituzioni

I rifiuti smaltiti lllecitamente in via Cerro Antico

Una zona immersa nel verde dove i residenti vivono un incubo quotidiano: il fetore ammorbante proveniente dagli scarichi della zona industriale. Non solo. Rifiuti anche pericolosi abbandonati ovunque e il Rio Pioppeto, un tempo uno dei corsi d'acqua dei più suggestivi della zona, trasformato in una cloaca dove ogni giorno muoiono centinaia di pesci. Questa è la situazione oramai insostenibile che da anni vivono i cittadini di via Cerro Antico, via Cerro Tartari e via Solfegna Cantoni, alla periferia di Cassino.

Il quadrilatero della vergogna

Nell'area che parte dal casello autostradale fino ai confini con i comuni di Villa Santa Lucia e Piedimonte San Germano ci sono persone, donne, anziani e bambini che portano avanti una vera e propria battaglia quotidiana contro l'inciviltà dell'uomo. "Prima con questo scempio chiamato ex Marini - ci spiegano i residenti della zona -, poi è arrivato il depuratore Cosilam, una vera e propria disgrazia per il nostro respiro, poi sono arrivate le discariche abusive e quelle realizzate all'interno dei piazzali delle industrie. E nessuno muove un dito. E nessuno si rende conto che qui viviamo e qui si muore di tumore".

La marcia di sensibilizzazione

Sabato erano in duecento a partecipare alla manifestazione pacifica organizzata dai vari residenti e dai comitati a tutela della zona. Polizia, carabinieri a 'vigilare' ma nessun amministratore a dialogare con qui pagata le tasse e cerca di salvare i sacrifici di una vita. Eppure su tutta questa assenza di controllo ambientale è stata aperta un'indagine.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini dei Carabinieri e il silenzio della Procura

I Carabinieri del Gruppo Forestale hanno consegnato in Procura una dettagliata informativa della quale ancora non si conoscono gli esiti. Resta da capire chi è il magistrato che sta seguendo la vicenda e del perchè la Giustizia in questo caso è tanto lenta. "Se sarà il caso andremo tutti insieme a protestare davanti al Tribunale - spiegano i residenti - perchè qui non possiamo continuare a vivere di puzza ed a morire, ogni giorno".

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento