Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Regione, giunta regionale approva modifiche a legge sull’acqua

Siamo molto soddisfatti per essere riusciti ad approvare in Giunta le correzioni al testo della legge sull’acqua, così come richiesto dal Governo.

Siamo molto soddisfatti per essere riusciti ad approvare in Giunta le correzioni al testo della legge sull'acqua, così come richiesto dal Governo.

E' quanto dichiara il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti in merito all'approvazione della delibera della giunta regionale che modifica la legge per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque, impugnata dal Consiglio dei Ministri con ricorso di legittimità costituzionale.

"Ora il testo - spiega Zingaretti - completo delle correzioni richieste nell'impugnativa di Palazzo Chigi, passerà all'esame del consiglio regionale e, con l'approvazione dell'Aula, potrà diventare legge. Un passo decisivo per tutelare gli interessi dei cittadini su un tema così importante e delicato come quello sulle regole da adottare per l'utilizzo dell'acqua pubblica".

Il nuovo testo prevede che l'Autorità d'ambito di bacino idrografico dovrà agire nel pieno rispetto delle regole della concorrenza, superando così la precedente formulazione e, in conformità al principio del non indennizzo, stabilisce che in caso di revoca della concessione sia riconosciuto al concessionario non un 'rimborso' ma la riduzione del canone demaniale di concessione. Si specifica inoltre che il pareggio di bilancio è riferito, in generale, alla gestione del Servizio Idrico Integrato quale obiettivo e non come criterio per la definizione dei meccanismi tariffari, che sono di competenza statale. Si provvede ad eliminare la disposizione che, imponendo il rilascio delle concessioni per le grandi derivazioni alle sole Autorità di ambito di bacino idrografico, si pone in contrasto con le norme nazionali relative alle modalità di affidamento delle concessioni di derivazione d'acqua, che rientrano nelle materie della tutela della concorrenza e dell'ambiente, di competenza esclusiva dello Stato. Si specifica che spetta all'Autorità di ambito di bacino idrografico la predisposizione e non la determinazione delle tariffe del servizio idrico che spetta all'Autorità per l'Energia elettrica, il Gas e il Sistema idrico. Si elimina inoltre la disposizione precedentemente in contrasto con il principio di unitarietà della gestione del servizio idrico integrato.

"Sono soddisfatto - aggiunge Fabio Refrigeri, assessore regionale alle Infrastrutture, Politiche abitative e Ambiente - per il lavoro svolto dagli uffici e, soprattutto, per il clima di collaborazione proficua con i tanti protagonisti sensibili al tema dell'acqua pubblica".

SANITÀ LAZIO, APPROVATA NORMA SU ACCREDITAMENTI

Nuove disposizioni in tema di voltura dell'autorizzazione all'esercizio e dell'accreditamento istituzionale di attività sanitarie

Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Daniele Leodori, ha approvato a maggioranza (33 favorevoli e 7 astenuti su 40 consiglieri presenti) la proposta di legge n. 257, di iniziativa della Giunta regionale, in tema di voltura dell'autorizzazione all'esercizio e dell'accreditamento istituzionale di attività sanitarie. Il testo modifica la legge regionale n. 3 del 10 agosto 2010.

La nuova norma disciplina i casi in cui, non essendosi ancora completata tale fase transitoria, il soggetto esercente attività sanitaria possa effettuare la cessione o il trasferimento della struttura e richiedere la voltura del titolo autorizzativo, nelle more del completamento del percorso di adeguamento. Le previste verifiche saranno quindi effettuate sul subentrante, cui spetterà il compito di completare il percorso di adeguamento.

Approvato anche un emendamento, a firma del consigliere Pietro Sbardella (Gruppo Misto) e parzialmente riformulato dalla Giunta, che consentirà una riapertura dei termini per la presentazione, tramite piattaforma informatica, della domanda di confermazione dell'autorizzazione.

CALL4INNOVATORS: AGROALIMENTARE SOSTENIBILE E STARTUP

Lunedì 6 luglio, presso l'auditorium dell'Ara Pacis, doppio appuntamento con gli eventi tematici legati a EXPO 2015

Si comincia la mattina alle ore 9.30 con l'incontro - organizzato da Lazio Innova e coordinato dall'Università della Tuscia di Viterbo - dal titolo "Agroalimentare Sostenibile", durante il quale verranno trattati argomenti inerenti lo sviluppo agricolo sostenibile che, privilegiando processi produttivi innovativi e a ridotto impatto e impiegando fonti energetiche rinnovabili, può essere garante del miglioramento della qualità dell'ambiente, della vita dei produttori e dei consumatori e, allo stesso tempo, risultare economicamente vantaggioso e socialmente equo. Interverranno fra gli altri il presidente di Lazio Innova Stefano Fantacone e il rettore dell'Università degli Studi della Tuscia Alessandro Ruggeri.

Seguirà l'introduzione Exhibit con: Agricoltura Capodarco, Agricoltura 2.0, Forum Agricoltura Sociale, Rete Fattorie Sociali, Kalulu, Mensa Km Zero, Fabioland, Arken Spa, Gymnotus-Briareo, Biopic, Aicare.

L'incontro si concluderà con un aperitivo di networking con la degustazione di prodotti tipici del Lazio da agricoltura sociale, forniti da "I Buoni Frutti" e "Fabioland", selezionati tramite il bando Call4Innnovators.

Per registrarsi: https://agroalimentaresostenibile.eventbrite.it

Nel pomeriggio, alle ore 16, sempre presso l'auditorium dell'Ara Pacis, appuntamento con un nuovo evento targato TWIST Roadshow 4 startups che avrà come tema l'"European Investment Trends: Differences and Opportunities". L'incontro, coordinato da Lazio Innova, si aprirà con un panel nel quale interverranno investitori locali e internazionali e i rappresentanti di due importanti realtà dell'ecosistema romano delle startup: LUISS ENLABS e Pi Campus. A seguito del panel è prevista una pitching session con 6 startup provenienti da LUISS ENLABS, PiCampus e TIM#WCAP. Il pomeriggio di lavori si concluderà con un cocktail di networking.

BUSCHINI: "PIANO TURISTICO TRIENNALE APPROVATO, LA PROVINCIA DI FROSINONE COLGA QUESTA GRANDE OPPORTUNITÀ"

"Il Consiglio regionale ha dato il via libera al Piano turistico triennale 2015-2017 che prevede lo stanziamento di 22 milioni di euro su cinque ambiti strategici che la Regione Lazio punta a sviluppare: Agricoltura ed enogastronomia, turismo olistico (cammini, sport, salute, natura protetta) corsi e laboratori di 'Italian Style' (capacità di far apprendere mestieri e culture), turismo congressuale e d'affari, servizi personalizzati e di gamma alta. La Provincia di Frosinone deve cogliere questa grande opportunità: attraverso una visione complessiva, di affiancamento ai territori e stimolando le aggregazioni tra gli enti locali, possiamo diventare un polo turistico attrattivo grazie alla valorizzazione delle nostre risorse ambientali, storiche, architettoniche ed enogastronamiche".

"Un turismo sostenibile - continua Buschini - è finalmente possibile. La proposta di legge sulla valorizzazione della Via Benedicti da me presentata contiene i cardini che sono insiti nel Piano turistico regionale approvato: iniziative a sostegno delle startup, incentivi alle reti di imprese, accordi quadro con gli istituti di credito oltre ad azioni di affiancamento dei territori. Creare un'offerta turistica adeguata è fondamentale: dal turismo possono derivare nuove economie e nuovi posti di lavoro".

SILVESTRONI (FDI) SULLA TRATTA FERROVIARIA ALBANO-ROMA: "SI LAVORI A RIDURRE I TEMPI DI PERCORRENZA E FARNE UNA METROPOLITANA LEGGERA"

"Al di là della sostanza dei lavori, che mi sorge il dubbio potessero essere iniziati e portati a termine in tempi più ristretti, riducendo al minimo i disagi per i pendolari, l'augurio che mi faccio e faccio a tutti i cittadini che quotidianamente si servono della linea ferroviaria Albano-Roma Termini è che tra le intenzioni delle Ferrovie dello Stato vi sia anche quella di potenziare i collegamenti già esistenti, per accorciare innanzitutto i tempi di percorrenza, che sono davvero improponibili in un Paese civile".

Così Marco Silvestroni, consigliere della Città Metropolitana in quota Fratelli d'Italia, ha commentato l'annuncio di sospendere la percorrenza sulla linea ferroviaria Albano - Roma dal 18 luglio al 5 settembre. Il tutto per completare i lavori per l'innalzamento dei marciapiedi e la costruzione delle pensiline nella stazione di Marino, nonchè per aumentare la lunghezza dei marciapiedi e i binari nella stessa stazione di Albano.

"Nessuno mette in dubbio l'utilità degli interventi - aggiunge Silvestroni -, ma non credo assolutamente che potranno risolvere il problema principale, in una linea ferroviaria che, lo ripeto, andrebbe potenziata e resa simile ad una sorta di metropolitana leggera".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, giunta regionale approva modifiche a legge sull’acqua

FrosinoneToday è in caricamento