rotate-mobile
L'indagine

Riciclaggio e aste giudiziarie, il Gip revoca i domiciliari a Rinaldo Scaccia

L'ex direttore generale della Banca Popolare del Frusinate torna libero. Ieri Riesame per il notaio Roberto Labate

Rinaldo Scaccia, ex direttore generale della Banca Popolare del Frusinate è tornato in libertà. Ieri pomeriggio il giudice delle indagini preliminari del tribunale di Frosinone ha disposto la revoca degli arresti domiciliari sui richiesta dell'avvocato Pierpaolo Dell'Anno, difesore di fiducia dell'ex ad. Scaccia era stato arrestato lo scorso 6 febbraio, nell'ambito di una maxi operazione anti riciclaggio e anti truffa, unitamente ad altre dieci persone, tra imprenditori e liberi professionisti.

A finire agli arresti domiciliari anche i notai Roberto e Federico Labate (difeso dagli avvocati Massimo Mercurelli e Alberto Bonu e che si è visto nei giorni scorsi rimettere la misura cautelare tramutata in divieto di dimorare in provincia di Frosinone), padre e figlio. Nei confronti di Roberto Labate ieri si è discusso il riesame per l'annullamento della misura cautelare come richiesto dagli avvocati difensori Sandro Salera, Paolo Marandola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riciclaggio e aste giudiziarie, il Gip revoca i domiciliari a Rinaldo Scaccia

FrosinoneToday è in caricamento