Riesumata la salma di 'Stin', lo zampognaro morto allo 'Spaziani': un medico indagato

L'accertamento si è svolto ieri pomeriggio ed è stato disposto dal Procuratore Capo De Falco

Un'immagine di Orazio Fusco detto Stin

Riesumata salma di Orazio Fusco meglio conosciuto come Stin, artista-zampognaro sessantenne di Villa Latina, morto in circostanze misteriose nel dicembre del 2016. Il decesso di Fusco è avvenuto mentre si trovava da ore steso su una barella del pronto soccorso del 'Fabrizio Spaziani' di Frosinone. A disporre l'autopsia è stato il procuratore capo di Frosinone, il dottor Giuseppe De Falco che, in prima persona, sta seguendo la delicata vicenda.

La ricostruzione dei fatti

Fusco venne portato al pronto soccorso dello 'Spaziani' da alcuni passanti che lo avevano trovato a terra semi svenuto. Una volta fatto l'accesso, classificato come codice giallo, viene lasciato su una barella. Passa qualche ora e l'uomo, ritenendo di stare meglio, esce fuori della struttura per prendere una boccata d'aria. Sviene e questa volta rientra all'interno con un'ambulanza. Ha giramenti di testa, non riesce a stare in piedi e sta male. Secondo quanto denunciato dai familiari, assistiti dall'avvocato Beniamino Di Bona, il povero zampognaro nonostante il secondo malore, viene nuovamente 'parcheggiato' su una barella. Solo all'alba del mattino successivo qualcuno si accorge della sua presenza, si avvicina e scopre che il poveretto è oramai privo di vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una diagnosi intempestiva

Sottoposto a tac post mortem si scopre che ad uccidere Fusco potrebbe essere stato un trauma cranico non diagnosticato. Il musicista, probabilmente, mentre era in giro per la città suonando con la zampogna, deve essere caduto e deve aver sbattuto la testa a terra. Soccorso dai passanti e portato in ospedale è stato lasciato in balia di se stesso. Per la sua morte è stato iscritto nel registro degli indagati il medico che era di turno quella notte la pronto soccorso. La riesumazione del cadavere servirà a fare piena luce sul suo decesso e su ogni eventuale responsabilità da parte del medico indagato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Ceccano, è Marcello Pisa il morto trovato nel carrello. Nuovi dettagli raccapriccianti

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Scandalo alla Croce Rossa, il presidente denuncia ammanchi per 300 mila euro

  • Amazon a Colleferro, al via la selezione per i magazzinieri. Ecco come fare per candidarsi

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento