Scappano ad un posto di blocco con la moto, mandano un carabiniere in ospedale. Multa di 7000 mila euro

Il militare ha colpito violentemente il mezzo a due ruote rompendosi il polso. I due ragazzi di Ripi sono stati rintracciati dopo accurate indagini

Hanno pensato di fare una furbata degna dei miglior film polizieschi e dopo aver rallentato all’alt imposto dai carabinieri hanno accelerato di colpo e si sono dati alla fuga. La bravata che ha avuto anche delle conseguenze abbastanza serie per il militare sulla strada è avvenuta nelle ore scorse a Ripi, paese nel sud della provincia di Frosinone.

La fuga al posto di blocco

Qui, come detto, i carabinieri mentre stavano facendo un posto di blocco in via Succure Miseris hanno imposto l’alt a due ragazzi in sella ad una moto. Nel ripartire a folle velocità il mezzo a due ruote ha battuto violentemente sul braccio del carabinieri che è stato portato d’urgenza all’ospedale Spaziani di Frosinone con un polso rotto.

Rintracciati e multati con 7000 mila euro

I carabinieri, quindi, si sono messi sulle tracce dei due ragazzi, poco più che maggiorenni, che sono stati individuati. La moto di cilindrata 125 cc era priva di bollo ed assicurazione ed inoltre il giovane non aveva il patentino per guidarla. Tutti e due gli autori di questo assurdo gesto sono stati sanzionati con una pesante multa di 7000 euro e denunciati per lesioni e guida senza patente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, Amazon apre entro fine anno. Al via le assunzioni, le figure ricercate e le condizioni

  • "Mia madre umiliata da un infermiere prima di morire" la drammatica denuncia sul web

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • È Gaetano Bonanni di Segni il ciclista trovato morto sull’Anticolana

  • Lascia i figli di 2 e 5 anni da soli a casa tra lo sporco per andare da amici

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento