Roma, 47enne muore di pancreatite al Fatebenefratelli. La denuncia dell'Italia dei diritti

E’ morta Lunedì 31 Luglio al Fatebenefratelli dopo una degenza di due settimane presso l’ospedale di Tor Vergata una donna di 47 anni a causa di una pancreatite. La procura ha aperto un inchiesta per

fatebenefratelli_roma

E’ morta Lunedì 31 Luglio al Fatebenefratelli dopo una degenza di due settimane presso l’ospedale di Tor Vergata una donna di 47 anni a causa di una pancreatite. La procura ha aperto un inchiesta per

omicidio colposo, sotto osservazione il trasferimento dalla struttura di Tor Vergata a quella dell’isola Tiberina che secondo il PM potrebbe aver influito sulla morte della donna “ Come si può ancora morire di malasanità? – se lo chiede il coordinatore della provincia di Roma dell’Italia dei Diritti Carlo Spinelli – Alessandra ( il nome della sfortunata mamma romana di 47 anni ) era stata ricoverata il 15 luglio presso l’ospedale di Tor Vergata per una pancreatite. La pancreatite è un disturbo importante che, se non curato per tempo e con le dovute maniere può portare anche al decesso e la prima domanda che mi pongo è se sia stata curata a dovere o se la malattia invece è stata presa alla leggera. Sta di fatto – continua Spinelli – che dopo 15 giorni la situazione è precipitata e si è reso necessario un trasferimento in altra struttura perché a Tor Vergata non erano disponibili posti letto nella terapia intensiva. Ma perché aspettare 15 giorni quando una pancreatite acuta se entro 7/10 giorni non si risolve ha bisogno di un intervento immediato? E come è possibile che in una paziente a rischio come Alessandra non sia stato lasciato un posto letto disponibile in terapia intensiva a Tor Vergata nel caso si fosse reso necessario come poi è successo? E perché si continuano a tagliare posti letto alle strutture, a chiudere reparti se poi quelli che restano risultano insufficienti provocando così la morte dei pazienti come in questo caso? Il PM – aggiunge ancora Spinelli – pensa che proprio la perdita di tempo occorsa per trovare un posto letto e poi per il successivo trasferimento sia stato determinante per la triste conclusione della vicenda. Sta di fatto – conclude Carlo Spinelli – Che questa bella donna di 47 anni non c’è più e lascia due bambini piccoli ai quali sarà dura spiegare che non possono più avere la loro mamma al proprio fianco per colpa di un letto mancante. Porgo le mie più sentite condoglianze e quelle del nostro movimento alla famiglia di Alessandra con un forte abbraccio ai genitori ed ai figli di questa mamma alla quale è stato negato il diritto alla vita”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ufficio stampa provincia di Roma Italia dei Diritti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento