Cronaca

Roma, a Cinecittà impiegata detective smaschera e fa arrestare imbrogliona

Cerca di prelevare soldi da un conto corrente aperto pochi giorni prima con documenti falsi

Cerca di prelevare soldi da un conto corrente aperto pochi giorni prima con documenti falsi

Una donna di 69 anni, con precedenti, è stata arrestata dai Carabinieri della Stazione di Roma Cinecittà dopo aver tentato di prelevare del denaro da un conto corrente, aperto precedentemente dietro l'esibizione di documenti falsi, con le generalità di un'altra persona.

Nello specifico, la scorsa settimana, la donna si è presentata presso un ufficio postale del quartiere Tuscolano e ha chiesto di versare un assegno di 6.000 Euro, intestato ad una persona reale, alla quale però non è mai arrivato. La donna arrestata, venutane in possesso in modalità ancora da accertare, si è procurata dei documenti sui quali ha inserito le generalità dell'intestataria dell'assegno. Con quei documenti ha prima aperto il conto corrente e lo ha poi versato.

Ieri mattina, la donna si è recata in un altro ufficio postale dove ha cercato di prelevare 2000 mila euro, esibendo gli stessi documenti falsi. L'addetta alla cassa ha però notato subito delle anomalie, lo ha segnalato al direttore che ha poi chiamato i Carabinieri.

I militari sono intervenuti in pochissimo tempo arrestando la donna per possesso di documenti falsi e sostituzione di persona. I documenti falsi sono stati sequestrati.

CORVIALE - carabinieri arrestano due PUSHER CHE SPACCIAVANO A STUDENTI

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia E.U.R. hanno arrestato due romani di 32 e 42 anni per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I due sono stati sopresi, a bordo di un'auto, in località Casetta Mattei, a ridosso del "Serpentone" di Corviale, mentre cedevano tre dosi di cocaina ad una ragazza che è stata segnalata al Prefetto di Roma.

L'immediato controllo dell'autovettura in uso ai due pusher ha consentito di rinvenire ulteriori 24,5 g di cocaina, dietro uno dei parasole del veicolo.

Le successive perquisizioni nelle abitazioni degli spacciatori, permettevano di rinvenire ulteriori 36,5 grammi della medesima sostanza, la somma contante di 620 euro in banconote di vario taglio, ritenuta provento dell'illecita attività di spaccio.

Oltre allo stupefacente, i Carabinieri hanno trovato anche bilancini di precisione e vario materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi.

Immessa sul mercato, la droga avrebbe fruttato diverse migliaia di euro. I due giovani sono finiti in manette e sono stati trattenuti in camera di sicurezza in attesa dell'udienza di convalida.

EUR - Arresto Nucleo Operativo (1)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, a Cinecittà impiegata detective smaschera e fa arrestare imbrogliona

FrosinoneToday è in caricamento