Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Roma, a Colli Portuensi picchia violentemente il padre 80enne per alcune bottiglie birre. carabinieri arrestano 45enne

Per un paio di birre non ha esitato a colpire ripetutamente al volto il padre 80enne, con una violenza tale da causargli un trauma cranico-facciale.

Per un paio di birre non ha esitato a colpire ripetutamente al volto il padre 80enne, con una violenza tale da causargli un trauma cranico-facciale.

Con l'accusa di maltrattamenti contro familiari e lesioni personali, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Eur hanno arrestato un 45enne romano, già noto alle forze dell'ordine.

Ieri pomeriggio, su segnalazione dell'anziana vittima, i Carabinieri sono intervenuti nell'appartamento in via Roberto Alessandri, in zona Colli Portuensi, dove padre e figlio convivono, trovando l'aggressore in evidente stato di alterazione, dovuto all'assunzione di alcol e droga.

L'uomo, poco prima, come già successo altre volte in passato, ha aggredito il padre con violenti pugni al volto e alla testa, poiché, a suo dire, gli aveva negato alcune bottiglie di birra.

I Carabinieri lo hanno bloccato e portato in carcere a Regina Coeli, come disposto dall'Autorità Giudiziaria.

L'80enne è stato soccorso e trasportato all' ospedale San Camillo, dove è stato medicato e poi dimesso con 10 giorni di prognosi.

ROMA - CARABINIERI ARRESTANO "L'AUTISTA DELLE LUCCIOLE".

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato un italiano di 46 anni, già noto alle Forze dell'Ordine, con l'accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

L'uomo, che di professione realmente fa l'autista presso una ditta di trasporti, si dedicava ad una seconda attività, sempre nel settore dei trasporti, ma in favore esclusivo di alcune ragazze che si prostituiscono lungo la via Salaria, in zona Settebagni.

Prima di intraprendere il turno come autista, l'uomo andava a prelevare le ragazze presso le proprie abitazioni, nella zona della Tiburtina, e le accompagnava sulla via Salaria. Quando finiva di lavorare, ritornava sulla Salaria per riaccompagnarle a casa. Grazie al suo lavoro, organizzato prevalentemente in turni pomeridiani, non destava alcun sospetto nei confronti dei suoi familiari che lo credevano impiegato nelle normali mansioni lavorative. In altre occasioni l'uomo si tratteneva nei pressi dei luoghi dove le ragazze si prostituivano e le controllava.

Nel corso di un mirato servizio, finalizzato a scoraggiare i clienti e reprimere ogni forma di illegalità connessa al fenomeno della prostituzione, i Carabinieri della Compagnia Roma Cassia hanno notato la presenza dell'uomo sempre più frequente e dopo aver documentato la sua quotidiana attività di accompagnatore, l'altro ieri sera lo hanno arrestato.

Nel corso del giudizio direttissimo, celebratosi ieri mattina, l'uomo ha patteggiato la pena di 1 anno e 4 mesi, sospesa con la condizionale e con l'applicazione della misura dell'obbligo di dimora e con la prescrizione di non abbandonare la propria residenza dalle ore 20 alle ore 06, per evitare che possa continuare la sua illecita attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, a Colli Portuensi picchia violentemente il padre 80enne per alcune bottiglie birre. carabinieri arrestano 45enne

FrosinoneToday è in caricamento