Roma, a Ostia arrestate 21 persone per stupefacenti e sequestrati beni mobili ed immobili

Dalle prime luci dell’alba, è in corso una vasta operazione  dei Carabinieri del Gruppo di Ostia che ad Ostia, Roma e Barcellona, stanno dando esecuzione  a 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere,

Dalle prime luci dell’alba, è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del Gruppo di Ostia che ad Ostia, Roma e Barcellona, stanno dando esecuzione a 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia capitolina nei confronti di 21 persone, responsabili di traffico internazionale di droga. Contestualmente i Carabinieri stanno sequestrando beni, mobili e immobili, per un valore complessivo di circa un milione di euro.

L’attività d’indagine, nel tempo, ha consentito di sequestrare 700 kg circa tra hashish, marijuana e cocaina, 5 pistole di vario calibro nonché di sventare un agguato commissionato da alcuni membri della famiglia Spada di Ostia. Sequestrati beni mobili e immonili per oltre un milione di Euro

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI - CARABINIERI DISARTICOLANO DUE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI DEDITE AL NARCOTRAFFICO OPERANTI NELLA CAPITALE ED IN SPAGNA. SEQUESTRATI BENI PER UN MILIONE DI EURO - SVENTATO ANCHE UN AGGUATO.

Questa mattina, nella provincia di Roma e nella città di Barcellona (SPAGNA), i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia, collaborati in fase esecutiva da personale della Guardia Civil Spagnola, a conclusione dell’operazione convenzionalmente denominata “Critical”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP di Roma nei confronti di 21 persone ritenute responsabili a vario titolo dei seguenti reati:

- associazione armata finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti (art. 74 commi 1, 2, 4 DPR 309/90);

- detenzione e spaccio continuato e in concorso di ingenti quantità di stupefacenti (artt.73, art. 80 comma 2 D.P.R. 309/90, art. 110, 81 C.P.);

- ricettazione in concorso (artt. 110 e 648 c.p.);

- detenzione illegale di armi in concorso (art. 110 c.p e artt. 2 e 7 L. 2.10.1967 n. 895 – art 23 L. 18.4.1975 n. 110);

- possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi (artt. 497 bis).

L’attività investigativa costituisce la fase conclusiva di un’indagine, avviata nel maggio 2015, nei confronti di due organizzazioni criminali operanti sul litorale Ostiense e nella provincia di Roma, dedite entrambe al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, importate principalmente dalla Spagna e da altre aree del territorio nazionale.

Il gruppo criminale si occupava di smerciare ingenti quantitativi di stupefacente sul mercato locale ed anche in parte del territorio nazionale. I grossi quantitativi di droga venivano importati dalla Spagna e giungevano via mare al porto di Civitavecchia, occultati in camion che trasportavano frutta e verdura. Successivamente lo stupefacente veniva trasferito in alcuni box appositamente approntati dall’organizzazione e gestiti da diversi sodali che si occupavano anche di rifornire i vari acquirenti. All’interno dell’organizzazione ricoprivano un ruolo di vertice e di comando P.G. (58enne palermitano), F.F. (38enne romano) e T.L. (40enne romano) che finanziavano l’attività, organizzandola e dirigendola.

Nel contempo, è stata individuata e disarticolata una rete di spacciatori e pusher che, dopo essersi riforniti dall’organizzazione, immettevano lo stupefacente sul mercato al dettaglio. La cessione dello stupefacente veniva effettuata attraverso una collaudata tecnica volta a raggirare le eventuali investigazioni, consistente in una sorta di “messaggi in codice” che i fornitori e gli acquirenti si scambiavano attraverso preventivi contatti telefonici.

Durante le varie fasi dell’indagine i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia hanno sequestrato complessivamente 700 kg di sostanza stupefacente (tra hashish, marijuana e cocaina), 5 pistole e 100 proiettili di vario calibro.

Inoltre, nel corso delle investigazioni è stato possibile captare i momenti antecedenti alla commissione di un agguato che una delle due organizzazioni era in procinto di compiere ad Ostia nei confronti di una persona al momento rimasta ignota. L’efferato gesto, organizzato con l’approvazione e il sostegno di membri della nota famiglia Spada, non è stato portato a termine solo perché i due killer sono stati ostacolati dall’intervento dei Carabinieri che, nel corso di una perquisizione effettuata all’interno del loro covo, ubicato nei pressi dell’idroscalo di Ostia, hanno rinvenuto e sequestrato uno scooter Yamaha T-Max, risultato rubato, due caschi con visiera schermata, guanti, tute da lavoro ed un revolver “Taurus” cal 38 special con matricola abrasa e 4 proiettili nel tamburo.

Gli arrestati, a conclusione delle operazioni di rito, sono stati tradotti presso il carcere di Roma “Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Contestualmente, in Ostia e Fiumicino, è stato dato esecuzione al decreto di sequestro beni, ex articolo 12 sexies legge nr 356/92, emesso in data Gip del Tribunale di Roma nei confronti di due degli arrestati, responsabili di aver riciclato e reimpiegato in attività lecite i capitali provento della loro attività di narcotraffico. Il sequestro ha riguardato i seguenti beni:

- nr. 2 immobili;

- nr. 1 terreno;

- nr. 6 conti deposito a risparmio;

- nr. 5 rapporti di credito presso istituti bancari vari;

- nr. 1 ditta individuale;

- nr. 1 autovettura.

per un valore complessivo di circa 1 milione di euro.

DROGA: CIOFFREDI, ‘OPERAZIONE “CRITICAL” CONFERMA EGEMONIA CLAN SPADA A OSTIA’

“Esprimiamo gratitudine al Gruppo del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Ostia e alla Dda di Roma per l’operazione “Critical” che ha portato all’arresto di 21 persone appartenenti a due associazioni criminali dedite allo spaccio e al traffico internazionale di droga e al sequestro 700 kg di stupefacenti. Questa operazione conferma la presenza a Roma di reti e sistemi del narcotraffico e per quanto riguarda Ostia l’egemonia criminale del Clan degli Spada a seguito del riposizionamento dei rapporti di forza dopo l’arresto dei Fasciani. A Ostia le Forze di Polizia e la Magistratura hanno raggiunto in questi anni risultati straordinari nella lotta ai sodalizi criminali cosi come prezioso è il lavoro del Prefetto Vulpiani ma bisogna rompere con più forza e determinazione il clima di omertà che circonda le attività dei clan. La prepotenza delle mafie si sconfigge anche con la responsabilità civile della denuncia alle Forze dell’Ordine da parte dei cittadini che sono a conoscenza di atti e comportamenti criminosi. Sappiano i cittadini di Ostia che decideranno di denunciare che la Regione e tutti gli apparati dello Stato non li lasceranno mai soli. Cosi come non lasceremo mai sola la signora Carmela Salerno che per ultima ha denunciato il tentativo di un esponente del clan degli Spada di impossessarsi del suo bar”. Lo scrive in una nota Gianpiero Cioffredi, Presidente Osservatorio Sicurezza e Legalità della Regione Lazio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento