menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, a Piazza Vittorio Emanuele arrestati due truffatori avevano rifilato il “pacco” a un cittadino indiano.

Uno smartphone di ultimissima generazione a un prezzo davvero stracciato. E’ l’esca gettata da due uomini di 35 e 46 anni, entrambi di origine partenopea con precedenti, nella zona dipiazza Vittorio Emanuele arrestati per truffa dai Carabinieri...

Uno smartphone di ultimissima generazione a un prezzo davvero stracciato. E' l'esca gettata da due uomini di 35 e 46 anni, entrambi di origine partenopea con precedenti, nella zona dipiazza Vittorio Emanuele arrestati per truffa dai Carabinieri della Stazione Roma San Giovanni.

Attratto dallo splendido telefono cellulare di ultima generazione, un cittadino indiano di 26 anni non ha resistito e ci è cascato.

Pattuito il prezzo in 100 euro, i due abili truffatori, dopo aver distratto la vittima al momento della corresponsione del denaro, hanno sostituito il telefono contenuto nella confezione con una bustina d'acqua di eguale peso.

Il cittadino indiano, non rendendosi conto del raggiro subito, si stava allontanando felice per l'affare concluso ma i Carabinieri della Stazione Roma San Giovanni, che avevano assistito alla scena da lontano, lo hanno informato, bloccando allo stesso tempo i due venditori.

Svelato il trucco, il "pacco" è stato sequestrato mentre i due malfattori sono stati trattenuti in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo. Dovranno rispondere dell'accusa di truffa in concorso.

TERMINI - CONTROLLI DEI CARABINIERI: 3 ARRESTI E UNA DENUNCIA A PIEDE LIBERO.

La stazione ferroviaria "Termini", considerata uno dei principali varchi d'accesso quotidiano alla Capitale per centinaia di migliaia di persone, continua ad essere uno degli obiettivi maggiormente sorvegliati da parte dei Carabinieri di Roma che nella sola serata di ieri hanno arrestato 3 persone e ne hanno denunciata a piede libero una quarta.

In manette sono finite 3 giovani pregiudicate di 14, 15 e 25 anni, tutte cittadine bosniache provenienti dal campo nomadi di Castel Romano, arrestate dai Carabinieri della Stazione Roma Quirinale dopo essere state sorprese sulla banchina della fermata della metropolitana "Termini" mentre rubavano un portafogli ad una turista.

Nella circostanza, al momento dell'identificazione, le ladruncole hanno anche fornito ai Carabinieri generalità fasulle.

La maggiorenne è stata condotta ai domiciliari mentre le due minorenni sono state accompagnate nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli.

Poco dopo, i Carabinieri della Stazione Roma Macao hanno denunciato a piede libero un ragazzo domiciliato a Montalto di Castro, di 21 anni, incensurato, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il ragazzo è stato sorpreso, all'atto di un controllo scattato in piazza dei Cinquecento, in possesso di 30 grammi di hashish.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento