Roma, a San Filippo neri arrestata la “lolita” che adescava gli anziani nei pressi dell’ospedale e li derubava

 I Carabinieri della Stazione di Roma Ottavia hanno arrestato una ragazza di nazionalità romena, di 19 anni, domiciliata presso il campo nomadi di via Luigi Candoni, che dopo averlo adescato all’uscita dell’ospedale San Filippo Neri, ha derubato...

I Carabinieri della Stazione di Roma Ottavia hanno arrestato una ragazza di nazionalità romena, di 19 anni, domiciliata presso il campo nomadi di via Luigi Candoni, che dopo averlo adescato all’uscita dell’ospedale San Filippo Neri, ha derubato un 64enne romano, durante un rapporto sessuale.

In via Martinotti, la giovane ha adescato l’uomo, convincendolo ad aprirle la portiera e a farla salire a bordo della sua auto. Una volta raggiunto un luogo appartato poco distante, dietro pagamento di una somma di denaro hanno concordato una prestazione sessuale. Durante il rapporto, all’insaputa del “cliente”, la 19enne gli ha sfilato tutto il denaro, 600 euro, che aveva nel borsello.

Poco dopo, accortosi dell’ammanco, la vittima ha contattato i Carabinieri che, giunti sul posto, hanno rintracciato la “lolita” e recuperato il denaro asportato.

L’arrestata è stata portata in caserma e trattenuta in attesa del rito direttissimo, dove dovrà difendersi dall’accusa di furto aggravato.

Continuano le indagini dei Carabinieri per accertare se la giovane adescatrice si sia resa responsabile di altri furti, consumati con il medesimo modus operandi, che le anziane vittime non hanno avuto ancora il coraggio di denunciare per vergogna o per paura.

NOMENTANA – CARABINIERI INTERVENGONO PER UNA LITE IN ABITAZIONE E VENGONO AGGREDITI CON CALCI E PUGNI. ARRESTATO 48ENNE.

I Carabinieri della Stazione Roma San Basilio hanno arrestato un romano di 48 anni, con precedenti, con le accuse di lesioni, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scorsa notte, i Carabinieri sono stati inviati presso l’abitazione dell’uomo, in via Nomentana, per la segnalazione di una violenta lite. Una volta giunti sul posto i militari hanno appurato che l’uomo, in stato di agitazione dovuta probabilmente all’uso di sostanze psicotrope, stava discutendo con la moglie dalla quale si stava separando. E’ stata la donna a chiedere aiuto al 112 e quando i Carabinieri sono giunti, il 48enne gli si è scagliato contro. Per lui sono scattate le manette e il ricovero presso l’ospedale Pertini, a causa del suo stato di alterazione psicofisica, dove è piantonato in attesa del rito direttissimo. I Carabinieri sono stati medicati nello stesso ospedale per lievi contusioni, guaribili in pochi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento